Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Mygrain - Planetary breathing

Pubblicato su 10 Febbraio 2021 da Federico Fasciano

INCANTATION - INCANTESIMO   

   
    
Come retaggio svegliami dal silenzio!    
Versa il sangue per il mio corpo e sacrificati!    
Vivifica la mia anima    
e guarda la violenza attraverso i miei occhi!    
Riempi i miei polmoni col tuo respiro    
e ora abbandonati!    
    
WAKING UP THE DAMNED - RISVEGLIARE I DANNATI    
    
Svegliatevi!    
Ascoltate questi bisbigli occulti!    
I segni stanno cambiando.    
Le vostre preghiere assorbono le mie lacrime.    
E' lo spirito di sogni che appassiscono.    
Lo schiavo delle vostre profezie,    
incatenato alla grazia di cui ci si ingozza.    
L'io disorientato davanti allo specchio che si frantuma.    
Sono cresciuto dalla terra    
e vi riposo in confusione.    
Danzatori di un regno disarmonico.    
La mascherata di una massa cieca.    
Il cancro brulica e il pericolo si diffonde    
sotto la pressione dell'intelligenza cosmica.    
Svegliatevi!    
L'allarme sta suonando.    
Vibra nel respiro soffocato.    
I sogni vengono evocati dalle vostre paure,    
da cui siete stregati.    
L'inferno viene scatenato per portare morte,    
stolti pieni d'ignoranza!    
Si risvegliano i dannati    
e gli illusi sono come ipnotizzati    
dai demoni sorti nella mia testa.    
Il sistema è una disfunzione collettiva.    
Strisciate sotto mentite spoglie    
e vi nascondete nelle parole.    
Desideri strappati alla mente.    
Miriadi di bugie.    
La brama illumina questo mondo insulso    
e niente soddisfa.    
Niente risolleva.    
Le preghiere sono inutili.    
La volontà è sradicata.    
I sussurri giungono in tono severo.    
La malattia si irradia.    
Gli sguardi sono vuoti,    
repressi per la vendetta    
e siamo come mesmerizzati    
e ipnotizzati dal serpente che c'è in noi.    
Le menti offuscate continueranno ad accodarsi    
e diffonderanno il riverbero dell'avidità.    
E' un mondo pittato di sangue    
che controlla mostri al guinzaglio,    
nutriti a ideologie.    
Posseduti dai demoni che abbiamo creato    
il terreno di gioco che conoscevamo non esiste più.    
Sono cresciuto dalla terra    
e vi riposo in confusione.    
Tra le spire del serpente    
la confusione marcisce,    
generata dal suo risveglio.    
    
AMBIVALENTINE - INNAMORATA DI DUE    
    
Devoto alla grande divisione,    
l'eredità è crudele.    
Infinite stagioni, sorte dalla notte,    
sono passate in emotivo dualismo.    
Crocifisso sulla steccato che sta in mezzo,    
il tempo al collasso mi attraversa.    
Nato per morire e morto per rinascere,    
il cerchio senza fine si ripete.    
Io sono te.    
Ti assorbo e ti gratifico.    
Sei mia.    
Mi nutri e hai bisogno di me.    
Una preda che vive sempre limitandosi.    
Un prodotto del paradosso che si adatta.    
E' il gioco dell'istinto che evoca l'omicidio,    
addensato nei miei sogni    
adatti a versare fiumi di sangue.    
Sei il mio più prezioso nemico,    
congiunta per la vita,    
alla ricerca nella notte sotto i veli del tuo travestimento.    
Sei il più dolce tradimento.    
L'alterazione del conflitto.    
Un'anima gemella del tipo più disastroso.    
L'ambivalenza interiore.    
Chiudi gli occhi e prendimi per mano!    
Seguimi ovunque io vada!    
Il trono delle emozioni violente    
è finzione di devozione.    
Sono manipolato da un autoinganno,    
a imitazione di ideali per sempre perduti    
e di convinzioni radicate nella progenie.    
Io sono te.    
Ti assorbo e ti gratifico.    
Sei mia.    
Mi nutri e hai bisogno di me.    
E' un desiderio illusorio che ti seppellirà vivo.    
Un irrinunciabile parassita mascherato che ti prosciugherà.    
Divina è la vita miserabile.    
Sottometti il mostro col guinzaglio dei sogni infranti,    
custode di un ordine malvagio!    
Attende la rovina in questa falsa città di psicopatici.    
Affronta il nemico che hai dentro!    
Nessun paradiso benedirà il confronto    
con questa confortevole angoscia.    
Nessun sole sorgerà per l'anima    
in questo spettacolo ben nascosto e illusorio.    
E' la grazia del blasfemo.    
La tempia della tua testa sotto il tiro di una pistola.    
Gli incubi girano a rotazione    
come l'ombra del sole in movimento.    
E' la perfetta immagine dell'assenza di devozione.    
Poteri discordanti    
e un'unità empia vincolata nella discordia.    
    
BLACK LIGHT SUPERNOVA - SUPERNOVA DI LUCE NERA    
    
Brucia nel suo corpo celeste.    
Un collasso gravitazionale alla velocità della luce.    
Una perdita di conoscenza su larga scala.    
La combustione. La fiamma.    
Sdraiati per incendiare il cielo!    
Chiudi gli occhi!    
Abbandonati attraverso il tempo e lo spazio!    
Dalla sfolgorante sfera di luce    
esplosioni stellari riempiono la notte.    
Un Effetto Farfalla* senza controllo.    
L'alba di una nuova creazione.    
Trapassa tra gli spettri di luce!    
Respira nel fuoco liquido!    
La teoria del caos.    
Lampi di fusione nel vuoto.    
Una deflagrazione di esplosioni dalla testa bianca    
e il mio spirito viene spazzato via.    
Una luce nerissima.    
Una reazione accecante.    
Erediterai la mia oscurità.    
Il cielo va in pezzi    
e nasce una nuova e diversa dimensione.    
Affonderò per tornare a volare    
in quest'ultima dimensione.    
Il fuoco liquido    
e la sete che scorre nelle mie vene sinuose.    
Dalle viscere del cielo infinito,    
ad anni luce da ora,    
il sangue brucia in onde sismiche.    
E' l'universo oltre il mondo dei concetti    
e io ne sono l'amorfa interconnessione.    
Carnale.    
Di ceneri che dipendono da un comune sorgere.     
Il significato connesso al tutto.    
Affondo e i confini sbiadiscono.    
Il panico cresce nella mia mente.    
Mi vedo morire lentamente,    
mentre viaggio nella luce più oscura,    
accecato dall'orizzonte degli eventi**.    
Balugina e brucia dentro di me.    
Vedo il colore cremisi che si distende.    
Il collegamento tra i mondi.    
Il fuoco liquido    
e la sete che scorre nelle mie vene sinuose.    
Fluttuando nel presente,    
tra le onde della nascita e della morte,    
si risveglia la consapevolezza di un io non separato,    
che lascia il corpo in un costante stato di cambiamento.    
    
Note:    *(All'interno di un sistema le piccole variazioni ne generano di enormi)
           **(Superficie limite oltre cui nessun evento può influenzare l'osservatore esterno)
    
DREAMSCAPE - MONDO ONIRICO    
    
Un'immobile lotta contro l'azione.    
Ologrammi fissi posti in fila.    
Cancellazione del suono familiare del fallimento.    
L'obliterazione è liberazione.    
La notte in un dominio sognante.    
L'avvicinamento a dimensioni più buie.    
Dottrina di delusioni velate di carne.    
Rinuncia all'acquisizione del nulla.    
Fuggitivo di un sistema meccanico di schiavi    
sulla linea vacua di minor resistenza.    
La massa è bendata in questo scenario surreale.    
Ascolta l'oscillazione di questa nuova razza dannata!    
Il mio corpo sussulta e si vaporizza.    
La re-evoluzione stanotte ricomincia    
e gli incubi dei sognatori vengono alla vita.    
Una sfera caotica di follia in fiamme brucia dall'interno.    
Le rivelazioni chiarificano    
visioni di un io interiore che entrano in collisione.    
Fatti un giro di morte nella vita!    
Mondo onirico. Fuga.    
Pilota-schiavo in un'opera di schiavi.    
Burattino divino di un fallimento letale.    
Pilota automatico del vuoto.    
Rapimento dal nulla.    
Rillumina il tuo io,    
mente generata dalla macchina!    
Entra nel regno dei dispositivi umani!    
Il sogno proietta un flusso di entropia    
e non ci si oppone alla perdita di gravità.    
Un fascio di fuoco nei miei occhi.    
Nella mia mente si alza un grido.    
Vedo un rosso bruciante     
e la realtà si flette.    
Soccombo, privo di volontà.    
Sono paralizzato e non posso fuggire.    
Un bagliore di luce nei miei occhi    
che penetra nella mia mente.    
Vedo lampi rossi fondersi nel fiume di sangue.    
Sogni desolati.    
Come ipnotizzato, non posso scappare.    
Non riesco a svegliarmi.    
Non riesco a respirare.    
Sono prigioniero di questa gabbia carnale.    
Non posso uscirne.    
Non riesco a muovermici.    
Sono bloccato in questo sonno di tipo astrale.    
Reinventa te stessa,    
anima generata dalla macchina!    
Volo sopra una zona crepuscolare filtrata dal sangue     
e il sogno mi inietta una scarica di entropia.    
Mi dissolverò nella tua eresia.    
    
RATS IN THE CRADLE - RATTI NELLA CULLA    
    
Il mostruoso riflesso.    
Il segnale d'avvertimento devasta    
l'insensato pensare e le conseguenti azioni.    
Una quiescenza eterna simile alla morte.    
Le lacrime entropiche di madre Terra    
fuoriescono dal suolo liquido    
e io dormo in subbuglio,    
facendo oscillare la culla di polvere.    
Parassiti del paradiso.    
Sublimi e subdoli desideri.    
Il giorno della vendetta, in sanguinario decadimento,    
viene spazzato via dalle onde disastrose    
del timore verso le macchine.    
La dorata linea della vita ne esce in pezzi,    
sostentamento dell'allarme rosso.    
Giaciamo e ci nutriamo sulla vetta del mondo,    
come ratti in una culla.    
Andiamo alla deriva,    
ascoltando il fluire dei fiumi cremisi della desolazione.    
Uno spreco d'ingordigia. Distruzione.    
Un dispendio di vorace costruzione.    
Il principio ardente di un godimento estatico    
frantuma la sostanza, strato dopo strato.    
Discepoli della luce nera.    
Cloni di un potere inferiore.    
Morso dopo morso siete la malattia    
e soffocate resistendo inutilmente.    
Il peso di un mondo morto.    
La sete saturata dal sangue.    
Un istinto pulsante si diffonde nel giardino verminoso.    
Pieno di disgusto vengo polverizzato,    
come una scultura di ghiaccio nel gelo perenne.    
I ricettori degradati soccombono.    
Glorificate!    
Alzate il calice per ingurgitare il male!    
Siamo ratti in una culla di larve.    
Masse di sonnambuli.    
Schiavi di una follia ereditaria.    
Non percepite il puzzo di decomposizione della vostra esistenza?    
E' la blasfema cerimonia di un'armonia corrotta.    
    
THE GHOST IN ME - LO SPIRITO IN ME    
    
Mi vedi attraverso     
e ancora mi sento così vivo.    
Vedo la scia delle riflessioni    
che balena nel cielo,    
destinazione "Luce del giorno".    
Vago fin dove la vita e la morte s'intrecciano.    
Il decesso. L'aldilà.    
Ho preso lo spaventoso treno del pensiero    
e del tempo prezioso che mi brilla davanti agli occhi.    
Vieni pioggia a lavare via il dolore!    
Sono affondato dove il sole tramonta.    
Le dimensioni scompaiono    
e le trame della mente si alleggeriscono.    
E' la corona della spirito che si aggira all'esterno.    
Che vede strati di bugie    
sepolti all'interno come un peso morto.    
Scolpiti sulla mia identità senza volto    
sono i ricordi al capolinea.    
Disegnato dallo spaventoso treno del pensiero    
l'intreccio delle linee sulla pelle si dissolve.    
Si riflette l'ombra del sole che in me non si è mai mostrata.    
Vieni pioggia! Governa il dolore!    
Guardandomi non c'è nulla da vedere.    
Lo spirito in me vuole essere reale, incarnarsi    
e i sogni infranti sono catastrofici.    
    
MECHANIMAL INSTINCT - ISTINTO MECCANIMALE    
    
Sono il bestiale impulso a uccidere.    
Sono la droga ad alta tecnologia del brivido.    
Nell'ipersonno della mente    
elettrizzo la tua energia.    
I cervelli si amplificano     
per le oscillazioni di rabbia repressa.    
Discordanza cablata.    
La nuova era più oscura.    
Aldilà artificiali.    
Espressione della meccanizzazione.    
Il sistema è sovraccarico.    
Modalità sensoriale di autodistruzione.    
I sogni violenti sanguinano elettrici,    
impregnati di tutti gli déi concepiti.    
Oltre le lenti della sorveglianza    
l'immagine nello specchio.    
L'io inconsapevole è abituato a contaminare    
le prestazioni monitorate.    
Controllata da remoto    
è questa esistenza corrotta.    
Aldilà artificiali.    
Espressione della meccanizzazione.    
Sono meccanico.    
Il sistema è in overdrive.    
Sono l'animale all'interno.    
La bestia nella tua pelle.    
Sono la supremazia.    
L'istinto di sopravvivenza.    
Sono lo sciame subliminale    
e la ribellione interiore.    
Sei il mostro-macchina.    
L'anomalia che abbiamo creato.    
La puzza di schiavitù ostacola la nostra corsa alla vendetta.    
Ora s'inchina il dio dalla macchina malfunzionante.    
Il bene è compromesso.    
La riproduzione. Il compimento è interrotto.    
Sono meccanico.     
Sono animale.    
La linea piatta del cuore uccide la bestia all'interno.    
Viviamo un'emozione morta.    
Il pulsare della pelle che si sfalda.    
L'ego genera un bypass nascosto    
e il sistema nervoso accelera in overdrive.    
Sanguina per me nella tua divina oscurità!    
Offriti a me!    
Nutri ora la mia fame insaziabile,    
come un cancro che si ignora.    
Componente di una catena di montaggio completamente vile.    
Figlio obbediente del sistema    
sostenuto da un'avidità infinita.    
Ascolta la volontà di distruggere!    
La macchina da guerra di gioia violenta!    
Alimenta la volontà di controllo!    
E' il messia delle anime decadenti.    
    
THE FINAL SKYLINE - L'ULTIMO ORIZZONTE    
    
Ciò che vorresti farmi essere    
non è sulla mia lunghezza d'onda.    
Comprendendone il bisogno,    
non è questa la volontà che ascolto.    
Osserva lo sguardo nei miei occhi    
diretto su migliaia di vite!    
Striscia tra i coltelli, bugie simili a pugnalate!    
Levati la maschera delle mosche!    
La colonna sonora di una fuga    
consumata nei miei sogni.    
Lo spettacolo di un'esistenza corrotta.    
Macchie lasciate dall'ignoranza    
sul tuo corpo sanguinante.    
Un corpo di stigmate che alimentano l'odio e il disgusto    
per queste perpetue necessità.    
L'ultimo orizzonte.    
Sanguinamento cremisi di un'esistenza corrotta.    
Sermoni di tutte le credenze alimentate.     
La fortezza sulle nubi crolla.    
Strutture della mente.    
Non guardare giù verso la tua tomba vuota!    
La grazia di un'esistenza corrotta.    
Così obbedienti e senza controllo,    
non c'è nulla mai che vorremmo sapere.    
Non c'è niente e nessuno che possa salvarci l'anima.    
Mastichiamo e ingoiamo questo chimico sacramento.    
Brucio in fiamme ad ogni morso.    
Il suono di grida si propaga nella mia testa.    
Chiodi spuntano dal mio letto.    
Una corona di spine perfora l'io silenzioso.    
Una corona di spine sul capo dell'io silenzioso.    
La calma ribolle nel fluire delle mie vene.     
Per anni ho gestito la sofferenza collettiva.    
Ho creato il volto del male    
e gli ho assegnato un nome.    
Nessun requiem per un sognatore.    
Soltanto dolore.    
Assorbi il cielo dentro di te,    
finché andrà in pezzi e perderà il suo tono azzurro!    
Risolvi il tuo paradosso,    
finché andrà in pezzi e perderà la sua verità!    
Ho creato il volto di Dio    
e ne discendono lacrime di sangue.    
    
PLANETARY BREATHING - RESPIRO PLANETARIO    
    
L'espressione del mondo.    
Un ritorno all'occultamento.    
Espansione e contrazione.    
Salvezza attraverso la devastazione.    
Un moto universale simile al battito del cuore    
si risveglia e si addormenta.    
Inspirare ed espirare in sincronia con il respiro della galassia.    
Ancora una volta vado e torno,    
scompaio e riappaio,    
risvegliato in sogni senza sonno    
fino all'abisso dell'eterno scorrere.    
Il viaggio. Un'eternità indefinibile.    
L'origine. Un infinito indescrivibile.    
Sono i granelli di sabbia    
e sono un omniverso.    
Cristo dei crociati.    
Illustratore di morte.    
Privatore dell'universo    
che hai affidato gli organismi alla maledizione.    
Osservatore di stelle nere.    
Distruttore di pianeti.    
Si ritorna all'origine della vita e della morte    
e si piantano i semi dell'eterno respiro.    
Esplorazione di una misteriosa alleanza.    
Frazioni dell'universo.    
Un'eredità non cifrata.    
Le innumerevoli coscienze si sono fuse in una,    
connessa al respiro planetario.    
(Respira il simbolo del Leviatano).    
Ci si aggrappa eternamente alla fine.    
E' un pendolo in equilibrio    
e nel nulla apocalittico    
spira il vento interstellare della natura.    
Una meccanica quantistica dell'anima morbosa    
attraverso il cordone ombelicale d'oro e d'argento    
di un'intelligenza artificiale.    
Energia neuroattiva superflua.    
Inspirare ed espirare.    
Il respiro incendia le onde aeree del Leviatano.    
Un'apocalisse del te stesso microcosmico    
che ora reclama la sofferenza.    
Un macrocosmo in te microcosmico.    
E' la prospettiva del Leviatano.    
Cellule di sangue su un confine che tende al rosso    
emettono la luce che risucchia da un buco nero.    
Una lunghezza d'onda rossa,    
estremità dello spettro,    
anni luce dalle funzioni del corpo.    
Il tempo distorto dell'orizzonte degli eventi.    
Vedo attraverso la mia mano il cremisi della vita.    
Sono i granelli di sabbia    
e sono un omniverso.    
Sono lo spazio vuoto del silenzio    
e sono una verità complessa.    
    
 

Commenta il post