Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Krux - He who sleeps amongst the stars

Pubblicato su 20 Ottobre 2020 da Federico Fasciano

    
HE WHO SLEEPS AMONGST THE STARS - COLUI CHE DORME TRA LE STELLE  

 
    
Siede su una collina,    
silenzioso e immobile loto.    
E' un tutt'uno col mondo.    
I suoi occhi sono riempiti di stelle.    
La pace vive nel suo cuore    
e riposa nella sua anima.    
E' sceso un angelo,    
il sorriso sul viso.    
"Tra le tue mani ci sono proiettili e gioia".    
Egli è simile a Dio.    
Chi dorme tra le stelle    
con i sogni ricolmi di astri?    
Ha un unico pensiero nella mente:    
lasciarsi il mondo alle spalle,    
perché tutto è stato detto e fatto.    
Un giardino fiorito.    
Un fiume di sangue.    
Che cosa doveva essere compreso?    
"Io sono lui".    
Chi dorme tra le stelle    
con i sogni ricolmi di astri?    
La vita è compiuta.    
Non c'è altro da uccidere    
e l'assoluzione significa beatitudine.    
Passo serenamente.    
Mi siedo sull'erba    
e bacio il cielo e le nuvole.    
Enumero gli angeli, le foglie e gli alberi.    
Tutto è cruciale.    
Una parte di me.    
Egli è perdonato.    
Chi dorme tra le stelle    
con i sogni ricolmi di astri?    
    
THE HADES ASSEMBLY - L'ASSEMBLEA DELL'ADE    
    
Stanze nascoste.    
Segrete strette di mano.    
Il tempo sta per finire.    
Nel superattico di un grattacielo    
sono riuniti gli uomini di potere.    
Il contratto è siglato e sancito.    
L'Assemblea dell'Ade ci ha smerciati al chilo    
e il mondo è in vendita per un'entità con le corna.    
Città, paesi e montagne.    
Mattoni e pietre.    
Scappate alla ricerca di un rifugio!    
Sta arrivando la tempesta.    
Siamo l'Assemblea dell'Ade.    
Non rispondiamo a nessun governo, re o nazione.    
Siamo legati ai poteri delle tenebre    
e la nostra missione è quella di creare    
l'anarchia sulla Terra per i nostri interessi.    
Prepariamo il mondo per un nuovo ordine.    
Siamo la nuova amministrazione    
e la malvagia corporazione    
con il diavolo nella sala riunioni.    
Non è nulla di personale.    
Sono semplici affari.    
Siamo l'Assemblea dell'Ade e vi culliamo.    
    
EMILY PAYNE (AND THE BLACK MAZE) - EMILY PAYNE (E IL LABIRINTO BUIO)    
    
Attraversò il giardino, attirata dai salici.    
Seguì la pioggia tiepida fino a un oscuro bagliore.    
Camminò nella foresta    
e perse un braccialetto.    
Può tutto questo essere una magia?    
Qual è il suo segreto?    
Così giovane e triste.    
Emily Payne.    
E' stato l'ultimo dei nostri giorni    
dopo tutto ciò che ha detto.    
Emily Payne.    
Sei corsa nel labirinto.    
Così dolce e fragile.    
Adorabile ragazza, è stato l'ultimo dei suoi giorni.    
Così cupa era la storia.    
Emily Payne e il labirinto buio.    
Attraversò il villaggio    
e c'era oro tra i suoi lunghi capelli.    
Sui verdi prati nessuno la vide più.    
Un abito blu e un cappello di paglia.    
Reggeva un mazzo di tulipani.    
Svanì nell'aria rarefatta con un sorriso sulle dolci labbra.    
Così giovane e triste.    
Si allontanò dal mondo.    
Dal padre e dagli amici.    
Dalla luce del giorno.    
Non disse niente    
e sparì nel labirinto.    
Una giovane ragazza spensierata.    
Una mela agli occhi di sua madre.    
Scorse il passaggio    
e scomparve senza lasciare traccia.    
    
SMALL DEADLY CURSES - PICCOLE MALEDIZIONI MORTALI    
    
Non ti auguro fama e fortuna.    
Sto lavorando sul mio personale canto di guerra.    
Non ti offrirò perle e rose.    
Che tu possa affondare in un'infernale psicosi!    
Oh, prosegui e fai attenzione!    
Guarda la croce che porto!    
Non so canticchiare quando canti    
e tu non sai cosa sogno.    
Guardami adesso! Ti offrirò del vudù    
e della stregoneria malefica.    
Oh, stai all'erta! Fai attenzione!    
Guarda la croce che porto!    
Ho risvegliato di nuovo il ghoul*    
e il nostro amore deve finire.    
Ancora dormiamo come bambini    
all'alba della distruzione    
e sette maledizioni mortali    
m'impediscono di raggiungerti.    
Oh, sette maledizioni mortali ti offrirò,    
ma sette versi letali m'impediscono di raggiungerti.    
    
Note:    *(Abitatore dei cimiteri che si nutre di cadaveri)
    
PRINCE AZAAR AND THE INVISIBLE PAGODA - IL PRINCIPE AZAAR E L'INVISIBILE PAGODA*    
    
PARTE I    
Egli cavalcava nella grazia del mattino,    
a testa alta, il primo giorno di Maggio.    
Così tanti anni d'orgoglio e gloria    
alla ricerca del Sacro Graal.    
Principe Azaar, ti sei spinto così lontano.    
Hai cercato la strada e la preziosa Arca.    
Principe Azaar, hai seguito la stella    
e hai sfidato gli dèi dell'ira e della guerra.    
Oltre la luna nera e ad ovest dell'oblio,    
nelle leggende e negli argentei racconti,    
con il tuo ricco mantello, il tuo cavallo e l'armatura    
sei giunto fino dove i corrotti cani della sventura salpano.    
Principe Azaar, ti sei allontanato dalla tua reggia    
e ti sei avvicinato al luogo in cui il nulla incontra lo zero.    
Hai spalancato il passaggio sull'eternità    
al di là della grande cascata.    
PARTE II    
Nei pressi dei salici sorge un castello dorato    
e qualcuno ti ha chiamato per nome.    
Eri stanco e indebolito    
e cercavi un'oasi.    
Sentivi ciò che dicevano?    
La porta ora è aperta     
e ti attiravano all'interno.    
PARTE III    
Mille giorni e mille notti.    
Colori folli. Occhi immortali.    
Enigmi e paure. Voci innumerevoli.    
Non potevi vedere, né sentire.    
Non c'erano scelte divine.    
Non restava nulla a parte il pavimento di pietra.    
L'uomo contro gli dèi.    
Nessuna porta nascosta.    
Nessuna risposta. Nessuna luce.     
"Dispenserò i miei addii.    
Io non sono niente.    
Ho trovato me stesso?"    
PARTE IV    
Durante la battaglia stavo morendo.    
"Valgo qualcosa?" mi chiedevo.    
Il mio cuore era spezzato e piangevo    
nella corte degli antichi re perduti.    
Come guerriero invecchiavo.    
Come uomo cercavo di combattere.    
Continuavo a pregare per ottenere una risposta.    
"Lasciatemi avanzare in questa santa luce!"    
PARTE V    
Nella pagoda il principe incontrò l'angelo nello specchio infranto.    
Reggeva una spada e piangeva per te.    
Soffriva per te.    
Nella pagoda hai visto i tuoi sogni e la tua vita.    
Il dolore, il passato e il futuro.    
Lo sapevi: è una strada solitaria.    
    
Note:    *(Torre sacra diffusa in Oriente)
    
THE DEATH FARM - LA FATTORIA DELLA MORTE    
    
Apre gli occhi.    
Il mietitore ha notato il tuo sacrificio.    
Ti tiene in pugno e insieme andrete a farvi un giro    
sulla grande ruota degli stolti,    
dove nulla è sacro o sicuro.    
Il diavolo ha il suo sistema    
per marchiare la tua vita.    
Sei intrappolato all'interno.    
Nella fattoria della morte i porci hanno le ali.    
Nella fattoria della morte le menzogne sono fatti normali.    
La morte si aggira nella tua casa e tiene banco.    
Sei soltanto un topolino.    
Domina il tuo mondo    
e la vita ti schiaccerà come un pidocchio.    
Sulla grande ruota degli stolti    
nulla è sacro o sicuro.    
Il diavolo ha il suo sistema    
per marchiare la tua vita.    
Nella fattoria della morte i porci hanno le ali.    
Nella fattoria della morte le menzogne sono fatti normali.    
Nella fattoria della morte sei un debole e pagherai.    
Nella fattoria della morte sei un servo. Uno schiavo.    
Nella fattoria della morte è dell'amore che hai bisogno.    
Nella fattoria della morte c'è così tanta avidità.    
Nella fattoria della morte nessuno ti aiuterà quando cadrai.    
Nella fattoria della morte il vincitore prende tutto.    
(Dove pensi di andare quando il sogno della tua vita è frantumato?    
Chi diventerai? Di chi ci si può fidare?)    
    
A PLACE OF CROWS - UN LUOGO DI CORVI    
    
Miele ed api.    
Atomi e semi.    
Arriviamo e ce ne andiamo.    
Vento e grano.    
Uccelli e macchie.    
Cervelli che gridano.    
Onde e sabbia.    
Mani scheletriche.    
La danza del diavolo.    
Perché il mondo è un luogo di corvi.    
Perché il mondo è il mondo.    
    
 

Commenta il post