Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Deathless legacy - Rituals of black magic

Pubblicato su 9 Ottobre 2020 da Federico Fasciano

RITUALS OF BLACK MAGIC - RITUALI DI MAGIA NERA    


    
Il dorso di pelle nera,    
sorvegli il mondo dalla tua mensola    
ricoperta di vetusta polvere.    
I segreti che custodisci sono incisi su di te    
e neri come le nostre schifose e peccatrici anime?    
Risorgi dall'antico crepuscolo!    
Indossa la maschera rossa cornuta!    
Traccia i remoti e maligni simboli     
tutt'intorno all'altare!    
Rituali di magia nera,    
così enigmatici.    
Su questo sentiero non si torna indietro.    
Rituali di magia nera,    
così assurdi e tragici.    
In questa vita di sofferenza non aspettiamo l'aldilà.    
Riga dopo riga riesco a capire cosa sei.    
Nelle nebbie del tempo risuonano gli echi delle tue parole,    
potenti, distinte e così criptiche    
e la mia conoscenza diventa perversa.    
    
ABYSS - ABISSO    
    
E se la tua coscienza fosse soltanto    
una questione di sensi?    
Quando sei sveglio non lo sei,    
ma nei tuoi sogni l'altra dimensione bussa.    
E se tutti i suoni che udiamo    
fossero i canti di coloro che provano nei nostri incubi?    
Spegni tutte le luci    
e impara a guardare oltre!    
C'è qualcosa che vive là, lo sai.    
E' qualcosa che la tua mente allontanerà.    
Uno sguardo nell'oscurità    
che abbraccerà la nostra sventura.    
Strappa il velo e attraversa,    
mentre l'abisso ti fissa!    
Nel regno della tenebra    
il tuo sguardo è così impuro.    
Ti perderai senza fatica    
e la tua anima cambierà per sempre.    
E se la tua esistenza fosse soltanto speculare?    
Se avrai occhi ben disposti    
l'universo ti si spalancherà.    
Liberati dell'idea che tutto ciò che si può vedere sia qui!    
La chiave per l'aldilà è dentro di te.    
E' la tua visione interiore.    
    
VIGOR MORTIS - LA FORZA DELLA MORTE    
    
Candele nere. Salvia. Erba fresca.    
Concentrati ora! Prendi il sale!    
Un teschio mummificato.    
Del quarzo rosa.    
Scavo a mani nude.    
La morte è simile a un velo    
da strappare con un incantesimo.    
Il bokòr* ha il controllo sui morti    
e la polvere di datura** trasmette ogni terrore.    
Non ci sono occhi nel cranio vuoto.    
Non puoi resistere al mio richiamo.    
Un corpo senz'anima.    
Una carcassa impolverata senza vita.    
E' un teschio vuoto quello che controllo.    
E' la forza della morte.    
Una scodella di sangue e fango di palude    
mischiati insieme in una conca    
e cosparsi come viene di carbone nero.    
Guarda il cielo! Trova Saturno!    
La morte non è la fine,    
ma qualcosa in cui trascendere.    
Tra tutti i morti, te, mio caro, ho scelto!    
Al tuo vuoto pezzo di carne     
è destinata la dannazione eterna.    
Il peggior incubo è essere intrappolati in questa vita    
senza la forza di volontà di opporsi al rito.    
Guarda il tuo padrone negli occhi!    
Deciderò io quando morirai.    
    
Note:    *(Nel vudù è uno stregone che pratica magia nera)
           **(Più noto come stramonio, è una pianta molto velenosa)
    
BLOODBATH - BAGNO DI SANGUE    
    
Rughe e borse sotto gli occhi.    
Occhiaie. L'età avanza!    
Sto diventando una strega crudele e spietata.    
Ho bisogno che mi trovi una puttanella    
e non m'importa chi è.    
Ho bisogno che sia perfetta    
perché il rito sia completo.    
Mi serve il suo cuore su un vassoio placcato.    
Al dodicesimo rintocco    
mi troverò nuda e distesa nel tuo limo primordiale.    
Ora la tua esistenza ha uno scopo.    
In assenza di luce la mia sinistra bellezza risplenderà.    
Bagno di sangue!    
Cellule di sangue.    
Bagno di sangue!    
Fiuto la tua giovinezza.    
Bagno di sangue!    
M'immergo nella tua vita.    
Bagno di sangue!    
Grazie ai miei parassiti!    
Una maledetta e sacra infusione di vita    
si consuma nel cuore della notte    
e, mentre i tuoi sensi si offuscano,    
io rivivo e ringiovanisco.    
Portami l'incenso!    
Sii certo che sia intenso!    
Le candele nere devono essere accese.    
Ne devi illuminare sette.    
Lei dovrà vestire completamente di bianco    
e con le sue lacrime scriverò il mio nome.    
Assicurati che se ne stia buona,    
perché ora il rito ha inizio!    
    
I SUMMON THE SPIRITS - INVOCO GLI SPIRITI    
    
Cardamomo. Artemisia.    
Se vuoi che giungano gli spiriti.    
Aggiungi della canapa e un po' di canfora    
se vuoi ottenere le risposte.    
Scettico. Così magico.    
Uomo, sei così pragmatico.    
Un eidolon* che vaga,    
potente e intangibile.    
Qui mi aggiro a piedi scalzi tra le tombe.    
Sono la sacerdotessa dei morti    
e aprirò le porte del Tartaro**.    
Invoco gli spiriti dai silenziosi inferi.    
Invoco gli spiriti,    
ombre che strisciano nel buio.    
Aloe resinosa. Coriandolo.    
Se vuoi raggiungere quel mondo.    
Avvolto nell'assurdo.    
Via che nasconde il rivelato.    
Usa un mortaio e un pestello.    
Trita le erbe. Rendile speciali!    
Poi brucia tutto    
e quello sarà l'incenso del negromante.    
Offri il composto agli spiriti!    
Lascia che la notte ti penetri dentro,    
ma vattene prima dell'alba!    
    
Note:    *(Immagine spirituale di persona viva o morta)
            **(Realtà oscura e sotterranea dei morti)
    
HOMUNCULUS - OMUNCOLO    
    
Seme umano versato di fresco.    
Lascia che la tua essenza venga espulsa!    
Portami una mucca e del sangue di un animale!    
Prendine in eccedenza!    
Possiamo procedere e diventare dèi?    
Feconda la bestia!    
Spruzza l'utero del bovino con i fluidi rossi, a pioggia!    
Mangia la sostanza cremisi, mio caro!    
Creatura cornuta. Darai vita al…    
A mezzanotte oltrepasseremo il confine.    
E' il mistero della creazione.    
Ora, come fossi Dio, plasmerò del fango     
e darò forma al mio omuncolo.    
Dopo che la mucca avrà partorito l'abominio,    
mischia tutto con pietra solare sbriciolata,    
con zolfo e salice bianco.    
Quando la carne umana assumerà una sagoma,    
confinala in un bacile fatto di piombo    
e nutrila con il sangue materno,    
spillato dopo la decapitazione.    
Poi aspetta il primo grugnito della creatura    
e goditi il tuo obbrobrio!    
    
ARS GOETIA - ARS GOETIA*    
    
Prepara l'evocazione per convocare i Settantadue.    
Visualizza il recipiente di bronzo.    
Pronuncia queste parole:    
"Te evoco, non nato!    
Terribile e invisibile dio.    
Vieni avanti e seguimi!"    
Quando spunterà l'ottava luna    
i duchi dell'inferno apriranno la porta    
e il tuo nome verrà urlato.    
Astaroth! Belial!    
Io vi evoco dalle profondità infernali!    
Vi ho vincolati con questo antico sortilegio.    
Vapula! Malphas!    
Io vi evoco dalle profondità infernali!    
Vi ho vincolati con questo antico sortilegio.    
Sotto i quattro grandi re    
che governano gli elementi    
ora comandi i Settantadue.    
Uno scettro. Una spada. Una mitra**. Un cappuccio.    
Una tunica bianca senza cerniera.    
Infine disegna il sigillo su una pergamena.    
    
Note:    *(Pratica occulta per evocare i demoni)
           **(Copricapo ecclesiastico)
    
HEX - MALEDIZIONE    
    
Prendi una tavoletta di piombo    
e scrivici la maledizione.    
Ripiegala sette volte    
e compattala con un chiodo.    
Respira.    
Visualizza cosa deve accadere,    
come la tua vittima dovrà soccombere    
e fallo vicino alla tomba di un uomo morto di morte violenta.    
Il tuo scopo è la sventura della vittima.    
Berebescu!*    
Maledico la tua mente, i tuoi polmoni e il tuo fegato.    
Che le tue parole si intreccino    
e che la tua memoria vada alla malora!    
Bazagra!*    
Maledico il tuo pensiero e le tue percezioni.    
Che sia la tua ultima lezione     
e che tu sia incapace di pensare!    
Che sia la mia maledizione!    
Accanto alla tomba di un dannato    
scava un buco e seppelliscici il feticcio,     
poi scappa via nell'oscurità.    
Assicurati che nessuno noti la tua ombra.    
Striscia via con foga! Sarai indomito.    
La vendetta è l'unica cosa che cerco.    
Caronte! Ascolta la mia invocazione!    
    
Note:    *(Antiche maledizioni che rinforzano la principale)
    
LITCH - CADAVERE    
    
Dannazione!    
La mia pelle sta invecchiando.    
E' dura assistere alla decadenza dell'oro!    
Ho trascorso la mia intera vita nella torre    
a raccogliere i miei poteri    
e ora vengo divorata dal tempo.    
Polvere.    
Desiderio.    
Obbligo.    
Mi sto trasformando in un cadavere!    
Ho legato la mia anima a un amuleto.    
Oh, il mio viso ossuto!    
Oh, la mia cassa toracica!    
La mia lurida pelle muta in polvere    
mentre sacrifico il mio corpo    
in cambio dell'eternità.    
Merda! Il mio braccio sinistro è necrotico.    
L'amuleto a rubino di famiglia    
potrebbe essere la giusta risposta.    
Una trappola?    
La mia anima è il gioiello!    
Spogliatemi!    
Non sono più umana,     
ma un'esaltata scheletrica e malvagia.     
Sono la manifestazione    
dell'inevitabile morte di tutte le cose.    
Sono l'ingannatrice della vita    
e la ladra del tempo.    
Sono fuggita al silenzio della tomba.    
Questo è il mio regno!    
Una cattedrale d'ossa.    
    
HARUSPEX - ARUSPICE*    
    
Sono confusa nei pressi dell'incrocio.    
Il sentiero è incerto.    
Aspetto di essere illuminata    
sulle svolte della fede.    
La luna risplende sull'altare del sacrificio.    
Sono pronta a celebrare l'antico rito della lama.    
La divinazione attraverso il cuore    
porterà qui il codardo morto.    
Vieni, mostruosità!    
Piccolo malfattore pervertito!    
Vediamo cosa accadrà.    
Questa è la notte per la leggendaria lettura delle viscere.    
Aruspice.    
Verifica dei segni.    
Aruspice.    
Brandelli di fegato.    
Aruspice.    
Il sangue schizza     
e dall'interiora leggo il futuro.    
Finalmente l'ultimo respiro!    
Ora posso rovistare in profondità    
nella calda milza rosso scura.    
Posso usarla, rimuovendo lo sporco.    
La colecisti che trattiene l'atroce bile    
e l'intestino tenue e crasso,    
purpureo, palpitante, endocrino.    
Ne sento l'odore.    
Ecco il fegato!    
Ti imploro, luce lunare!    
Tu che rendi illumini la notte di chiarore,    
aiutami a rendere la mia vita più luminosa!    
Dammi un segno!    
Dimmi cosa significano le segrete e sanguinanti budella!    
Viscide interiora e profanazione,    
specchio della sacra volta.    
Antropomanzia.**    
Con nitidezza vedo la mia esistenza con un marchio nero.    
Scende la notte sul mio flebile mondo    
e resto qui, ricoperta di sangue.    
    
Note:    *(Sacerdote designato a leggere le viscere)
            **(Pratica divinatoria)
    
DOMINUS INFERI - SIGNORE DELL'INFERNO    
    
Stanotte siamo qui a celebrare i nostri peccati.    
La nostra brama per la vita,    
così profonda e chiara.    
Celebriamo la morte.    
L'ardore della carne    
e la nostra blasfema e grande ira.    
Portatemi la corona cornuta!    
Gli scalpi sanguinolenti e il mantello nero!    
Siamo tutti qui riuniti per consacrare     
ciò che è disprezzato e rifiutato.    
Per l'aldilà e per farci da parte.    
Ognuno di loro ha preso il suo seme    
e lo ha immerso nel calice del male.    
Abbraccerete il sentiero dell'impuro    
e farete di voi i vostri stessi profeti.    
In nome del signore dell'inferno,    
questo è il mio sangue    
e io te lo offro!    
In nome del signore dell'inferno,    
empia dissacrazione!    
Autodecomposizione!    
Il sapore del caos, ferroso e rosso,    
discende nelle nostre gole    
e corrompe la nostra innocenza.    
Un passo ancora verso l'inferno e lontani da noi stessi.    
Risorgeremo di nuovo nel tempio.    
Tutti tirano su il cappuccio nero    
e indossano le loro maschere senza volto.    
Per secoli sono stati esiliati    
e incompresi circa la loro missione senza tempo.    
 

Commenta il post