Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Blackbriar - Our mortal remains

Pubblicato su 15 Settembre 2020 da Federico Fasciano

THE ROOSTER'S CROW - IL CANTO DEL GALLO    


    
Vuoi concedermi questo ballo,    
come ci capita ogni anno?    
Profumi di tempi passati.    
Oh, quanto mi sei mancato, mio caro!    
Balliamo e fingiamo di non sapere    
cosa deve accadere quando sentiremo il canto del gallo!    
Muoviamoci sulle note degli uccelli notturni,    
come ci capita ogni anno!    
Profumi di rose e di terra.    
Oh, quanto mi sei mancato, mio caro!    
Ora però dobbiamo andare    
perché abbiamo appena udito il canto del gallo.    
Oh, quanto vorrei che questa notte durasse per sempre.    
Per l'eternità.    
Ti ringrazio per aver ballato con me.    
Sarò qui il prossimo anno    
ad annusarti e a respirare di te.    
Oh, già mi manchi, mio caro!    
Ora però devo andare.    
Mi allontanerò col canto del gallo.    
    
MORTAL REMAINS - SPOGLIE MORTALI    
    
Sto scavando in profondità nella terra scura.    
Zolle fredde e umide nelle mie mani nude.    
Un'impresa disperata è ciò che mi rimane.    
Non posso vivere con quest'insopportabile dolore nel petto.    
Non m'importa se ti sto disturbando.    
Oh, so di essere ricolma di egoismo.    
Finalmente ti ho trovato.    
Ho bisogno di toccarti.    
Oh, amore mio!    
Sono qui per riprendermi ciò che mi hai rubato.    
Da qualche parte nella tua bara    
sono alla ricerca della mia anima.    
Non m'importa se ti sto disturbando.    
Oh, so di essere ricolma di egoismo,    
ma tu mi hai importunata    
da che mi hai lasciato qui a soffrire.    
Ho riesumato soltanto le tue spoglie mortali    
che giacevano in questo terreno sporco.    
Dove sei adesso?    
Non ti sento qui intorno.    
    
BEAUTIFUL DELIRIUM - AFFASCINANTE DELIRIO    
    
Mi sentivo come dei fiori morti in un vaso    
che qualcuno aveva dimenticato di gettare via.    
Ero ancora qui al pubblico ludibrio,    
avvizzita e decaduta.    
Appassita nel buio     
e appassita dalla sete.    
Poi sei arrivato tu.    
Hai detto che ero un'opera d'arte.    
Selvatica, complessa e oscura.    
Mi hai definito "un mazzo magico"    
di papaveri e aconito.    
Di rose spinose e fiori d'oleandro.    
Che affascinante delirio!    
Mi sentivo come dei fiori morti in un vaso,    
mal assortiti e tristi,    
che cascavano ricolmi di disgrazia.    
Avvizziti e bizzarri.    
Appassita nel buio     
e appassita dalla sete.    
Poi sei arrivato tu.    
Hai detto che somigliavo a un dipinto,    
misterioso e suggestivo.    
Mi hai definito "un mazzo magico"    
di cicuta e belladonna.    
Di stramonio e mughetto.    
Un po' inusuale e un po' inquietante.    
Rose spinose e fiori d'oleandro.    
Che affascinante delirio!    
    
MADWOMAN IN THE ATTIC - LA PAZZA NELL'ATTICO    
    
Ogni storia ha due facce.    
Vorresti ascoltare la mia versione dell'allegoria?    
Sono sempre stata bella ed enigmatica,    
ma ora mi chiamano "la pazza nell'attico".    
Sì, è sicuro come la morte che sono pazza.    
Ho cercato di avvisarti, mio stupido rimpiazzo.    
Non vuoi diventare la pazza nella cantina?    
Hai disprezzato il mio spirito libero    
e mi hai rinchiusa per soffocarlo.    
Il mio essere criminoso,    
caparbio e decadente.    
Non vuoi diventare malvagia?    
Sto per bruciare tutto.    
Sto per bruciare Thornfield Hall*.    
La pazza nell'attico.    
Uno strano animale selvaggio.    
Una bestia. Una maniaca.    
    
Note:    *(La tenuta che Charlotte Brontë descrive in Jane Eyre)
    
SNOW WHITE AND ROSE RED - NEVE BIANCA E ROSA ROSSA    
    
Rosa Rossa.    
Neve Bianca.    
Mi chiamavi Rosa Rossa.    
Come ho potuto dimenticarlo?    
"Piena d'amore e passione" hai detto.    
Ora sono piena di odio e terrore.    
Avevamo un legame più forte    
di quanto potessero comprendere    
e sai che le persone temono    
ciò che non riescono a capire.    
Rosa Rossa.    
Neve Bianca.    
Mi chiamavi Neve Bianca.    
Un fiocco di neve che luccicava.    
Colma di serenità e luce.    
Ora il mio cuore agonizza nella morsa del gelo.    
Avevamo un legame più forte    
di quanto potessero comprendere    
e siamo una cosa sola.    
Possiamo fare tutto se mi terrai per mano.    
Tutte le lacrime che ho versato     
quando ti hanno portata via, Rosa Rossa!    
Ho pianto fino ad addormentarmi ogni notte    
da quando siamo state divise, Neve Bianca.    
 

Commenta il post