Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Children of Bodom - Hexed

Pubblicato su 30 Luglio 2019 da Federico Fasciano

THIS ROAD - QUESTA STRADA    
    
Questo rudere di mente umana rende il confine    
tra realtà, fantasia e ciò che provo sfocato.    
Notte dopo notte.     
Peccato dopo peccato.    
Anno dopo anno, non so dove sono stato.    
I giorni cambiano, ma il ritornello è sempre lo stesso    
e si ripete in continuazione ad alto volume.    
Iniettati di sangue, di nero e di blu    
gli occhi sono vuoti fino al midollo.    
L'anima, impersonale e intristita,    
è come in un buco nero senza fondo.    
Il futuro è tetro e il mio passato è ignoto.    
Non lasciarmi indietro! Lasciami solo!    
Non c'è un luogo dove posso essere trovato.    
Sono perso per sempre.    
Devo fare una pausa da tutto questo ad ogni costo.    
Questa strada mi sta uccidendo.    
Eliminami! Fammi uscire!    
E' la fine del percorso. La mia fine.    
Questa strada scende verso il basso    
e girerà su se stessa finché affonderò.    
Questa strada mi sta uccidendo.    
All'inizio sei a prova di proiettile e alto dieci piedi    
e grazie alla rabbia sei fuori scala,    
eppure poi continui a sentirti così piccolo.    
    
UNDER GRASS AND CLOVER - SOTTO L'ERBA E I TRIFOGLI    
    
Un flashback dalla notte scorsa.    
Era ieri? Non saprei dirlo.    
Tutto mi sembra in frantumi    
e prima che tu lo capisca, si è già dissolto.    
Maledizione! Che cosa ho sentito?    
Che cosa dovrei fare?    
Dove sono stato e come ci sono arrivato?    
Lo so. Sono troppo lontano.    
Fare lo sfaticato? Vivere una farsa?    
Qual è la mia strategia?    
Cazzo! Ho del sangue sulle mani!    
Non è nulla di nuovo, ma ora tremano.    
Tutto è impregnato di sudore    
ed ecco che arriva il "dimentica e perdona"!    
Ma chi dovrei perdonare?    
Dovrei dimenticare i miei propositi?    
Non me ne frega davvero un cazzo.    
Ho soltanto bisogno della mia dose.    
Sto morendo.    
Di spaccare questa bottiglia    
e di smettere di piangere.    
La calma mi travolge.    
La mia anima assorbe le lacrime.    
Sotto l'erba e i trifogli una nuova sensazione di speranza compare.    
Soffoco. Respiro a fatica.    
E' difficile mantenere l'equilibrio.    
Un'iniezione, come mercurio bollente,    
brucia così forte, ma ancora non sento niente.    
Soffoco. Respiro a fatica.    
E' difficile mantenere l'equilibrio.    
Il sudore, come mercurio bollente,    
brucia così forte, ma ancora non sento niente.    
E' come camminare in un campo minato,    
ma sono stanco di tenere gli occhi aperti.    
Un'iniezione, ustionato all'inferno.    
Non c'è un paradiso. E' stato per sempre bandito.    
La calma mi travolge.    
La mia anima assorbe le lacrime.    
Sotto l'erba e i trifogli una nuova sensazione di speranza compare.    
    
GLASS HOUSES - CASE DI VETRO    
    
Tieniti i nemici vicini, dicono,    
ma io preferisco averli morti o miglia lontano.    
Ora vorreste salvare il mondo prima possibile?    
Domani andrà meglio,    
perché già oggi non ce n'è uno.    
In assenza di ragione, predicate e giudicate    
ed è difficile per voi fingere.    
Le reazioni della vostra gente     
sono quelle di farvi piccoli e frignare,    
ma per me è troppo da sopportare.    
L'ignoranza sarà anche una benedizione,    
ma potrebbe non esserlo quando si gettano pietre    
contro una casa fatta di vetro,    
con la vostra aureola in fiamme su per il culo.    
Se una penna è più potente di una spada,    
sinceramente vi auguro il meglio nel vostro mondo.    
"Ciò che non ti uccide ti renderà più forte"    
è un mucchio di stronzate e mi dà la nausea.    
Sono stanco di voi. Andatevene affanculo!    
Non portate altro che angoscia.    
Confessatevi e vi sentirete beati!    
Liberarsi dal peccato non è questo granché    
e l'assoluzione a me non lascia niente.    
    
HECATE'S NIGHTMARE - L'INCUBO DI ECATE*    
    
Non abbiamo mai voluto abbandonarti,    
anche se tutto indicherebbe il contrario.    
Abbiamo continuato a ballare sebbene sapessimo    
che era sempre la stessa, vecchia canzone di sventura.    
Due torce illuminano il cammino    
quando c'invitano a discendere    
verso il bosco dei salici,    
dove abbiamo piantato i semi dell'odio.    
Anime perse vagano sui crocicchi    
e chiamano il tuo nome.    
Se il desiderio è una questione di vita o di morte    
e tutto il resto ha fallito,    
attirarti è un gioco in cui mai si perde e mai si vince.    
Anime perse vagano sui crocicchi    
al crescere della luna nuova    
e quando i cancelli lentamente si spalancano    
i cardini cigolano coi loro gemiti.    
Siamo come nell'incubo di Ecate.    
Tre tuoi colpi e nessuno da risparmiare.    
Avremmo dovuto essere più attenti?    
Se ti avessimo chiamato per nome invano    
non avremmo mai assistito al tuo dolore.    
E' l'incubo di Ecate.    
Sei ignaro dei danni impossibili da riparare.    
I cancelli si richiudono nella luce lunare    
e i cardini cigolano coi loro gemiti.    
Siamo diventati l'incubo di Ecate.    
    
Note:     *(Dea pre-romana e greca delle strade e degli incroci,
                delle ombre e dei fantasmi, della magia e degli incantesimi)
    
KICK IN THE SPLEEN - CALCIO NELLA MILZA    
    
Piagnucoli e ti lamenti tutto il giorno.    
Non connetti e non ti adatti.    
Quando vuoi vuotare il sacco    
e raccontare tutta la verità    
è come prendere un calcio nella milza.    
Non puoi moderarti un pochino, mi chiedo.    
Non vuoi farlo?    
Con tutte le insicurezze che nascondi,    
magari io non lo avrei fatto, ma tu potresti.    
Logori tutto come l'aria che respiriamo.    
Ti preoccupi di ogni aspetto come se ci fosse sotto qualcosa.    
Ti sfoghi sul nulla e a nessuno importa.    
E' come fare un volo dalle scale.    
Piangi su storie che sono le più vecchie nel libro.    
Non vuoi farlo?    
Ecco ciò che definiamo "Una tempesta in un bicchiere"!    
Magari io non lo avrei fatto, ma tu potresti.    
    
PLATITUDES AND BARREN WORDS - LUOGHI COMUNI E BANALITA'    
    
Io sono in pezzi e tu sei piegato,    
ma sorrido mentre ti ravvedi.    
Fai volare pugni senza mai fare un graffio.    
Scalci e urli fino ad alimentare la fiamma.    
Spegni il fuoco, tanto è uguale!    
Timbra l'uscita o rivendica le tue affermazioni!    
Avanti! Metti le cose in chiaro!    
Insisti per inerzia e il tempo scarseggia.    
Ci vorrà qualcosa di più di un luogo comune per convincermi,    
perché le tue parole mi stanno stancando.    
Io corro e tu sei in stallo.    
Eccoci qui! Stai andando alla grande.    
Mi stai facendo incazzare.    
Le emozioni si stanno strappando sulle cuciture.    
Il gioco è alla fine o così sembra,    
ma tutte queste parole non spezzeranno la tua fottuta routine.    
Avanti! Metti le cose in chiaro!    
Diamoci un taglio!     
Non puoi prenderti il tuo tempo.    
Sono sul punto di abbassare le armi.    
Basta coi luoghi comuni e le banalità!    
Sono pieno fino all'orlo.    
Che cos'è più un peccato mortale?    
Perdere o vincere?    
Dovrei aggrottare la fronte o ridere?    
    
HEXED - MALEDETTO    
    
A volte il mio dolore è dannatamente elaborato,    
tanto che riesco a sentire il gusto del sangue    
nelle mie lacrime, mentre provo a dimenticare.    
Mi perseguitano. Mi sporcano.    
I sogni non sono altro che uno scherzo crudele.    
Li scaccio, eppure nella realtà resto in tensione.    
Sono maledetto.    
Trasformato in una vittima.    
Sono maledetto.    
E' una benedizione o una maschera?    
Uccidimi una volta! Di chi è la colpa?    
Uccidimi due volte! Puoi reclamarmi.    
Maledicimi una volta! Vergogna su di te!    
Maledicimi due volte! Vergogna su di me!    
Se gli spiriti potessero essere visibili    
e non soltanto un falso mito,    
la tua maledizione sarebbe tangibile,    
ma nella realtà…    
Mi perseguitano. Mi sporcano.    
Sono una vittima della mia follia.    
L'ultimo capitolo di una storia che finisce in tragedia.    
Sono maledetto.    
Trasformato in una vittima.    
Sono maledetto.    
E' una benedizione o una maschera?    
Sono maledetto.    
Ho un demone dentro.    
Sono maledetto.    
Mi striscia sotto la pelle.    
    
RELAPSE (THE NATURE OF MY CRIME) - RICADUTA (LA NATURA DEL MIO MISFATTO)    
    
Dici che stai soffrendo,    
ma non è il punto in cui ti trovi.    
Anche se, ancora una volta, chi sono io per affermarlo?    
Puoi ripetere?    
Volevi chiedermi qualcosa?    
Amen! Sono pronto a giudicarti.    
Fa niente! Non ho detto nulla.    
Meglio se ti volti e cammini.    
Ci dormirò sopra fino al mattino,    
rivivendo sogni che sono lungi dall'essere vicini.    
Quest'incubo non è la mia prima avvisaglia.    
Si ripete e si ripete.    
Ci sono ricaduto. Ho consumato la mia serenità,    
troppo cieco per testimoniare la natura del mio misfatto.    
Ci ricordo seduti in mezzo a questo conflitto.    
Non ti ho semplicemente incontrata.    
Ho creduto che fossi la mia stessa vita.    
Mi hai detto di afferrare un coltello o una bottiglia,    
ma guarda la tua esistenza! Vivila alla massima velocità!    
Io sono finito e torturo il mio cervello fritto.    
Vattene! Non sei nulla di nuovo. Sei sempre la stessa.    
Conoscevi la mia storia.     
Volta pagina e leggi i segni!    
Parlano di ricadute tra linee predeterminate.    
Il pensiero di tornare indietro mi fa rabbrividire.    
Le tue delusioni, sicuro come l'inferno,    
non sono mai state le mie.    
Conoscevi la mia storia sin dall'inizio.    
Leggi i segni!    
Gridano di ricadute tra linee predeterminate.    
    
SAY NEVER LOOK BACK - DI' CHE NON GUARDERAI MAI INDIETRO    
    
Lotto per restare sveglio.    
Non voglio sfidare la sorte. (Sveglia!)    
Mi giro e mi rigiro.    
Come dovrei riuscire a fermare queste voci?    
Scivolo nel sonno.    
Conto le pecore. Stai sprofondando.    
I tuoi gemiti vorrebbero strillare.    
E' inutile. Lui è dentro e tu sei fuori.    
Uno. Due. Tre. Ti trovi in un sogno.    
Non guardare indietro!    
Non guardare indietro perché stai per spezzarti!    
Cinque. Sei. Sette. Vedi un flusso di raggi di luce    
che scende su di te e vorresti urlare.    
Otto. Nove. Dieci. Eccoci qui ancora una volta!    
Puoi anche distenderti, ma stai affondando.    
Fine dei giochi. Hai i minuti contati.    
Sveglia! Chi lo ha detto?    
Sono sveglio? I miei occhi sono chiusi.    
Sono esausto ancora una volta.    
Ero fuori? Di cosa diavolo si trattava?    
Dove sono originate tutte le ferite?    
E' ancora caldo il sangue sulle lenzuola.    
Era reale?    
Non voglio provarlo.    
    
SOON DEPARTED - PRESTO DEFUNTO    
    
Quando le tue mani sono legate    
davanti, dietro e da entrambi i lati,    
è difficile riconosce la forma delle cose future    
e il passato si sfilaccia.    
Non ci sono stelle allineate per guidare i ciechi    
quando il futuro è già stato rifiutato.    
Giaccio abbandonato.    
Sto morendo e sarò presto defunto.    
L'ennesimo mattino. Fatico a respirare.    
Mi sveglio rinchiuso tra queste pareti del cazzo,    
ferito, contuso e dimenticato.    
Un altro giorno.    
E' doloroso accendere le candele alle tue estremità.    
Non si cercano più, né si attendono i doni del Cielo.    
Continui a gettarli via.    
Se questa è la vita che hai scelto,    
nessuna circostanza può giustificarti.    
Perché hai continuato a correre quando finalmente    
hai oltrepassato il segnale di vicolo cieco?    
I giorni sono contati, hai giurato.    
Allora puoi iniziare il conto alla rovescia    
per quel che m'importa.    
Continui a dirti che non c'è nulla che si possa fare.    
La tua storia è fragile e così sei tu.    
    
KNUCKLEDUSTER - TIRAPUGNI    
    
I muri mi si chiudono addosso.    
Sento l'orologio che ticchetta,    
ma per me il tempo si è fermato.    
Sono stato usato. O tu diresti abusato?    
Non fa nessuna differenza per me.    
Conveniamo che non siamo d'accordo?    
Spegnerei la mia mente piuttosto che aprirla    
ed essere piazzato nella tua piccola fazione.    
No! Individua un altro momento!    
Scegli un altro giorno e un altro luogo    
se è possibile uno scambio diverso!    
Malmenato e in pezzi.    
Si rinucia per arrendersi.    
Puoi anche sfogarti su di me,    
perché non me ne frega un cazzo.    
Ehi! Ti ho mai chiesto di pestarmi i piedi?    
Affronta il tirapugni e finirai sei piedi sottoterra!    
Dicono di non uccidere,    
ma giuro che vedremo il giorno in cui ti abbatterò    
e finirai sei piedi sottoterra.    

 

Commenta il post