Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Status minor - Three faces of Antoine

Pubblicato su 16 Giugno 2018 da Federico Fasciano

HELEN - HELEN                
                
Incontrai mia moglie Helen ad una fiera del libro,                
a New Orleans nel lontano '78.                
Amo la letteratura e probabilmente leggo più della media,                
ma nulla di fantascienza o orrore.                
Deve essere qualcosa aderente ai fatti, come le biografie.                
Mi ricordo di averla vista nel suo spazio dedicato                
ai libri per bambini e ragazzi, col suo adorabile sorriso.                
Ma furono i suoi capelli scuri ad attirare la mia attenzione.                
(I capelli neri sono i miei preferiti.                 
I capelli con tonalità più chiare hanno qualcosa di insipido e impersonale).                
Non ho mai avuto difficoltà a strappare un appuntamento,                
così ci accordammo di rincontrarci il giorno seguente                
in un caffè francese lì vicino.                
Fu un bel primo appuntamento. Una serata gradevole                
e le cose sembravano poter andare nel modo migliore.                
Si offrì persino di pagare il caffè.                
C'era un calore particolare in lei e mi piaceva il suo comportamento alla mano.                
                
OUR COMMON CURSE - LA NOSTRA COMUNE MALEDIZIONE                
                
Sono peggiore di un incubo!                
Vattene ora! Hai l'occasione di scappare                
e di rendermi libera.                
Non mi piace lo sguardo che hai negli occhi.                
Tanto per cominciare, non ci sarà un'altra alba                
e nemmeno un ultimo discorso di supplica.                
Come hai potuto essere così crudele?                
Sai che mi assomigli. Forse sei anche un po' peggio.                
Questa è la mia fiamma da appiccare alla nostra comune maledizione.                
Farò un altro ballo, certa che ripeterò il mio crimine.                
Quando sei sola con la tua coscienza,                
non puoi immaginare cosa possa impedirti il sonno.                
Forse un rumore nel buio.                
Sono proprio qui alle tue spalle.                
Ti volti, ma sei decisamente troppo debole.                
Ho trovato la mia preda!                
Stanotte danzerò per te e sarà la tua fine.               
Sai che mi assomigli. Forse sei anche un po' peggio.                
Questa è la mia fiamma da appiccare alla nostra comune maledizione.                
Farò un altro ballo sulla tua colonna vertebrale spezzata.                
Il tuo cuore batte all'impazzata e pompa fuori dalle tue arterie                
il sangue che si mischia al fango.                
Stanotte danzerò per te.                
Questo ballo è dedicato a te e finirà quando ballerai anche tu.                
Siamo creature d'incubo e danzeremo nel buio.                
                
TURN BACK TIME - RIPORTARE INDIETRO IL TEMPO                
                
Perché? La domanda è sempre "perché?"               
Il pianto. Questo dà corpo alla mia giornata.                
Ora pagherai! No, anche per un milione di volte                
sarà con la tua carne e il tuo sangue,                
che sono diventati miei.                
Ti ho scaraventato per terra.                
Il tuo ego è in pezzi, ma i cocci non saranno mai ritrovati.                
Come in passato abbiamo condiviso un nome.                
E come in passato ti disprezziamo.                
Vattene! Vattene via!                
Hai mai provato a chiudere gli occhi e a tentare di capire?                
Hai perso. E' il mio gioco e ho ragione.                
"Sono solo e senza nessuno.                
E' per questo che mi sento così vuoto dentro?                
Sono svuotato. Ho perduto la mia anima.                
E' per questo che nessuno mi sta vicino?                
Vorrei poter riportare indietro il tempo                
e ricominciare tutto da capo.                
Vorrei girare lo sguardo e ingoiare il dolore.                
Dimostrare che il perdono non dimora in questa amara colpa.                
(Cambierei le cose e il sole tornerebbe a splendere).                
Resisterei ad ogni tempesta con te, amica mia.                
Vorrei poterti vedere come ti vedevo anni fa".                
Quella strada è stata dimenticata.                
Bugiardo! Ora pagherai!                
Più ti faccio del male, più sento male dentro.                
Il desiderio ha un prezzo: la felicità nella tua vita.                
"A volte mi chiedo se potrò mai perdonare.                
Renderebbe le nostre vite più facili da vivere?                
Quanto vorrei poter voltare pagina e rivedere un'altra alba!                
Vorrei poterti perdonare".                
                
FREE ME - LIBERAMI                
                
Ho il controllo su di te e su ciò che hai di più caro.                
Ti ho creato e ti posso distruggere.                
Anch'io ho bisogno di te e sinceramente spero che non lo scoprirai mai.                
Entri in camera.                
Il calore ti viene risucchiato e percepisci la mia ombra.                
Emano oscurità. Tutti potrebbero accorgersene,                
ma nessuno oserebbe tentare di capire.                
Pensi che il tuo tempo sia arrivato.                
Di essere il prescelto.                
I tuoi sogni rimarranno irrealizzati.                
Per me siete soltanto feccia.                
Cerchi di stare sveglio, finché non sei stordito. Continui a lottare.                
Ma noi siamo così vicini, capisci?                
Pensi che venga il tuo regno, ma solo io sono libera.                
Tu mi hai liberato!                
Sei una parte di me.                
Un usurato piccolo meccanismo che permette al mio mondo di girare.                
Hai perso la dignità.                
Ho spezzato la tua volontà, come ho già fatto con tutti loro.                
Sei il mio strumento preferito                
e vivi in un mondo privato dei colori.                
Un miserabile stolto.                
Potrai anche svegliarti, ma una volta ancora indosserai il tuo collare.                
Il tuo tempo non arriverà mai.                
Non sarai mai il prescelto.                
I tuoi sogni rimarranno irrealizzati.                
Per me siete soltanto feccia.                
Cerchi di stare sveglio finché non sei stordito. Continui a lottare.                
Ma noi siamo così vicini, capisci?                
Vedrai tutti i tuoi sogni irrealizzati.                
Non sarai mai il prescelto.                
Capisci perché non sei libero? E' a causa mia!                
Noi siamo i prescelti e finalmente mi sento libera.                
E' il nostro regno che viene e finalmente mi sento libera.                
Tu mi hai liberato!                
                
HARD TO FIND - DIFFICILE DA TROVARE                
                
Quella che un tempo era la nostra casa ora è riempita degli echi                
di ciò che oggi sarebbe potuta essere.                
La felicità è difficile da trovare,                
ma è facile lasciarsela alle spalle.                
Volevi restare, ma io ti ho respinto.                
Vorrei averti detto che il nostro amore per me aveva un valore,                
prima che tu morissi.                
                
MAX AND PATTIE - MAX E PATTIE                
                
Max fu il nostro primo figlio e due anni dopo arrivò Pattie.                
Durante il primo parto Helen soffrì di un grave caso di eclampsia*                
e lei e Max dovettero restare due settimane in ospedale.                
Facevo loro visita due o tre volte al giorno,                
ma il resto della giornata dovevo lavorare.                
C'era da pagare il mutuo e le scorte da mettere in frigo.                
Sebbene Helen fosse inorridita alla sola idea,                 
decidemmo di avere un altro figlio.                
Il Dottor Silberman, il nostro medico di famiglia,                
aiutò Helen a guardare oltre le difficoltà del travaglio.                
Col senno di poi fu una cosa dolce il modo in cui lei era spaventata.                
Con Pattie il parto andò decisamente meglio                
e tornarono insieme a casa uno o due giorno dopo.                
Fu la prima volta che passai tutto il mio tempo solo con Max                
e Helen fu davvero orgogliosa di quanto fui bravo a fare il papà,                
persino quando lei non era presente.                
                
Note:    *(Sindrome contraddistinta da convulsioni)            
                
FEEL MY HUNGER - SENTI LA MIA FAME                
                
La tua follia mi aveva stancato.                
Non potevi essere di questo mondo!                
Questo è ciò che credevo di aver capito,                
ma poi lessi le tue parole.                
Te lo chiedo un'altra volta.                
Condividi il mio sogno?                
Annuisci e trattieni il respiro.                
Dici di sì, come su uno schermo.                
Ho lavato il sangue dal pavimento                
e ho nascosto il gancio per la carne.                
Il pavimento era pieno d'ossa e di brandelli di pelle.                
Il congelatore era colmo dei tuoi ricordi.                
Senti la mia fame! Vivi il mio sogno!                
Un bacio d'addio, senza il tempo di urlare.                
E' la nostra comune follia. Eravamo svestiti della nostra umanità.                 
Eravamo d'accordo sui ruoli: tu la vittima e io il predatore.                
Stavi scaldando la padella e la mia fame cresceva velocemente.                
Lascia che il banchetto abbia inizio!                
Non è l'ospite che deve cominciare?                
Spero che durerai parecchio e come dolce ci sarà il cuore.                
Vino rosso e sangue. Bisogna mischiarli bene!                
Ora sei finito! Benvenuto nel mio inferno!                
Il tuo sangue scorre caldo e senza freni.                
Sarò la tua Ammut*. Offrimi la tua anima!                
Il tuo sangue scorre caldo. Sai che è reale.                
Sorseggio dalla coppa e scende dentro di me.                
Mi sono nascosta e ho aspettato il momento giusto.                
Avevo paura che non ti avrei mai trovato,                
ma alla fine mio fratello mi ha raggiunto.                
Ora saremo insieme per sempre.                
Siamo cresciuti più vicini di quanto potessi sognare                
e tutti i suoi ricordi sono stati consumati.                
                
Note:    *(Colei che inghiottisce il morto - Dal capitolo 125 del Libro dei morti)            
                
THE SLENDER MAN - L'UOMO ESILE                
                
Il tuo mondo non è reale! Ora l'ho capito.                
Li ho sentiti gridare. Non è soltanto una favola.                
Siamo al sicuro tra le sue braccia.                 
Ha giurato di proteggere le nostre vite.                
Abbiamo promesso la nostra lealtà, ma abbiamo sempre fallito.                
Oh, l'Uomo esile è folle!                
Ha bisogno di noi per uccidere e per restare calmo.                
Oh, la vendetta deve essere compiuta!                
Ambiamo a seguire il suo richiamo.                 
Non ha nessuna espressione sul volto.                
Non ha labbra per parlare, ma noi sentiamo ciò che dice.                
E' elegante nel suo completo nero e con la sua cravatta coordinata.                
Possiede braccia lunghe e magre                
e quando le spalanca non so reprimere un urlo.                
Mi stai fissando e so che puoi vedermi,                
con occhi che non sono visibili.                
Ti prego, portami via!                
Non voglio rimanere un giorno di più!                
Vivere è un incubo senza fine.                
Oh, l'Uomo esile è folle!                
Oh, la vendetta deve essere compiuta!                
                
 ME - ME                
                
Era un Martedì mattina e stavo aspettando alla fermata del bus,                
come avevo fatto decine di volte in precedenza.                
Il mattino è il momento che preferisco nella giornata,                
perché le persone sono più sveglie.                
Stavo aspettando il bus accanto al cartello di fermata                
e sapevo che sarebbe arrivato entro un minuto o due.                
Finalmente il bus arrivò e la vidi scendere.                
Indossava una nuova maglietta che non le avevo mai visto,                
con sopra l'immagine di un orsacchiotto                
e portava uno zaino rosa, con appesi parecchi pony colorati.                
Pensai che la maglietta fosse un regalo di compleanno                
e mi sembrò che avesse attaccato qualche nuovo pony.                
Con piccoli passi cominciò a camminare,                 
dopo aver salutato educatamente l'autista.                
Mantenni una certa distanza, restando comunque abbastanza vicino.                
Sembrava impaziente di arrivare a casa,                
perché non si fermò mai a perdere tempo lungo la strada.                
Dovetti persino accelerare il passo,                
mentre lei saltava e ballava camminando davanti a me.                
Avevo scelto un posticino su Park Lane,                
dove alti pini fornivano un'adeguata copertura,                
piuttosto tranquillo in qualunque ora del giorno.                
Attesi che arrivasse fino ai pini,                
poi la afferrai e la trascinai rapidamente nei cespugli.                
Non ebbe nemmeno il tempo di emettere un solo suono,                
che già era nascosta e il cloroformio la induceva al sonno.                
Fui sempre più convinto del nasconsiglio scelto dietro gli alberi.                
Era ombreggiato e fresco e vi filtravano appena i raggi del sole.                
Anche i rumori della città vi giungevano attutiti.                
Precedentemente avevo nascosto il mio bisturi in una tana di coniglio,                
quindi avevo dovuto portare con me soltanto un paio di guanti in lattice.                
Non mi era piaciuta per nulla l'idea che il bisturi                
potesse tagliarmi una tasca o una mano prima del tempo.                
Come sempre cominciai con un'incisione che dallo sterno                
scendeva fino al basso ventre                
e quando la lama penetrò, ne sentii la risatina.                
Ridono sempre quando sentono l'acciaio sulla pelle.                
Sorrise con una smorfia carina quando vide il sangue sgorgare.                
Per prima cosa rimossi la carne dal petto e dall'area della pancia.                
Quando la tenni sollevata perché guardasse,                
lei rise ancora più forte e volle continuare l'operazione.                
Quando presi a spellare le gambe, lei rise ancora un po' più forte.                
Le chiesi di controllarsi, perché non volevamo che qualcuno ci sentisse. Giusto?                
Che cosa sarebbe successo allora al nostro divertimento?                
Mentre stavo rimuovendo gli organi interni, (fegato, cuore, stomaco),                
mi raccontò della sua festa di compleanno del giorno prima                
e di come sua madre avesse cucinato per lei una bellissima torta.                
Tutti i suoi amici, compreso il nostro Max, erano presenti alla festa                
e aveva ricevuto tantissimi bei regali.                
Le assicurai che non avrei sporcato la sua maglietta con l'orsacchiotto                
durante la nostra operazione.                
Piazzai gli organi accanto a lei, perché potesse vederli                
e lei voleva assolutamente conoscere i loro nomi.                
"Quello è il mio cuore? E cos'è quello? E quell'altro?"                
Risposi a tutte le sue domande con cura e precisione,                
come se fosse figlia mia.                
Le staccai i capelli e lo scalpo con un rapido movimento                
e lei scherzò sul fatto che sua madre non le avrebbe dovuto tagliare i capelli.                
I capelli lunghi, neri e brillanti profumavano come se fossero appena stati lavati.                
Aveva probabilmente i capelli più belli che avessi mai visto.                
Volle che le tagliassi via alcune ciocche,                
per poterle usare più tardi quando avrebbe giocato coi suoi pony.                
Ne misi qualcuna nel suo zaino per non dimenticarcene.                
Aprì un buco nel retro del cranio per farci passare il cervello.                
Il cervello conteneva tutti i suoi ricordi e le cose che aveva imparato                
e quando l'avessi avuto tra le mie mani, avrei potuto conoscerla meglio.                
Vidi le sue prime parole in assoluto. Quando saltava la corda o andava sul vasino.                
Quando nella strada vicino a casa scappava dal fratello più grande.                
Mi disse che avremmo potuto diventare migliori amici                 
e giocare insieme tutto il tempo.                
Mi disse anche che era stanca, così cominciai a rimetterle gli organi dentro.                
I bambini si stancano velocemente.                
Risistemai lo stomaco. Feci scivolare il cervello nella cavità del cranio.                
Rimisi i bulbi oculari nelle orbite e le chiusi le palpebre.                
Le dissi che poteva fermarsi lì a riposare, quando me ne fossi andato.                
Le sistemai i pony colorati in grembo e lei immediatamente si addormentò.                
In seguito lessi sul giornale che aveva dormito per quasi tutto il giorno,                
prima di svegliarsi e andare a casa a giocare con i suoi nuovi giochi.                
Quella sera mia moglie Helen cucinò salmone per cena                
e fu davvero delizioso.                
                
(Tratto dal personaggio di Slenderman. N.d.T.)                

 

Commenta il post