Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Vulture industries - Stranger times

Pubblicato su 5 Novembre 2017 da Federico Fasciano

TALES OF WOE - STORIE DI DOLORE

Arrivò ululando nella notte,
con virtuosa magniloquenza
e reclamò di essere scelto per dare la caccia alle tenebre.
Disse di essere in possesso di una luce particolare
e di poter essere un faro in questi tempi di austerità.
In questi tempi di austerità.
Ci mostrò il diavolo e la sua cricca viziosa
e si avventurò oltre le sue cupe trame.
Ci raccontò le storie di dolore e di tribolazione
che saremo stati costretti ad affrontare.
Arrivò irrompendo nel crepuscolo,
a testa alta
e reclamò il suo ruolo sacro di dover essere il nostro custode.
Di dover scacciare l'orrore da ogni anfratto
e di dover riportare la sua casa consacrata alla rettitudine.
Ma non appena spuntò l'alba,
fu possibile distinguere le sue zanne.
Il sole venne avvolto dalle volute della sua ombra
e proprio in quell'ombra dimoravano i demoni
che ci aveva raccomandato di non dimenticare.
Sotto la pelle, simile a una tela strappata
e dentro un cerchio di peccato,
danzavano due terribili gemelli,
vestiti in differente guisa, ma votati al dominio.
Volevano controllare i nostri cuori e le nostre menti
per governare su ogni razza.
Con gli occhi spalancati, vuoti e ipnotizzati,
lo seguimmo nella perdizione.
Ad ogni passo saltava un'altra testa
ed era un prezzo accettabile per ammettere la colpa.
Con gli occhi spalancati, vuoti e ipnotizzati,
lo seguimmo nella perdizione.
Ad ogni passo si rompeva un altro collo
ed era un prezzo accettabile per ammettere la colpa.
Non ci sono mezze misure.
Qui i colori sono più nitidi,
nel controllo dei nostri cuori e delle nostre menti.

AS THE WORLD BURNS - MENTRE IL MONDO BRUCIA

Sei la mia antimateria.
Sei la mia antitesi, mio Lucifero.
Con ogni fibra ti odio e ti aborrisco profondamente, mio Lucifero.
Sei la mia antitesi.
Come se io fossi Ponzio Pilato e tu Gesù,
mio eterno nemico.
Con ogni mio respiro ti disprezzo
e vivo per contrastarti, mio Lucifero.
Mia droga e mia benedizione.
Sono in una crocifissione bilaterale col mio eterno nemico.
Non posso vivere senza di te.
In segreto sono totalmente devoto al mio eterno nemico.
Finché il mondo esisterà
e gli innamorati si terranno per mano,
saremo prigionieri di un perpetuo abbraccio.
Seguendo entrambi,
perderemo la cognizione in una danza diabolica,
mentre il mondo ci brucia intorno.
Mio Lucifero.
Mia affezionata nemesi.
Danzeremo per sempre,
mentre il mondo ci brucia intorno.

STRANGERS - SCONOSCIUTI

Con un martello o con uno scalpello.
Con la forza bruta o con un missile.
Non si valicare questo muro.
I martelli continueranno a battere
e gli sbarramenti a riecheggiare,
ma nulla potrà farlo crollare.
In parte è vago e spettrale,
ma diventerà solido e spoglio.
Come luccica, simile ad oro,
quando è custodito dal suo popolo
e passa tra templi e palazzi!
Si è trasformato in noi sin dalla nascita.
Fin da quando abbiamo appreso il suo verbo.
I custodi dell'ombra abbondano
e sono tutti destinati a continuare
a dipingere volti sconosciuti.
Intanto imparano la via di casa.
Diteci! Ci sono ponti che passano sopra le gallerie?
Crollerà e andrà in pezzi
oppure la sua percezione sopravviverà?
In ogni mente viene eretta una barriera di parole.
E' la reale essenza per distruggere il mondo
e macinare in sabbia il futuro.
La distanza è breve,
ma la strada è ancora lunga.
Viaggiare potrebbe cambiare ciò che siete.
In ogni mente viene eretta una barriera di parole.
E' la reale essenza per distruggere il mondo.
Diteci chi siete adesso!

THE BEACON - LA LUCE

Oh fratello, dimmi! Ti prego.
Abbiamo sbagliato?
I nostri sentieri si sono divisi
e lo sono da tanto tempo.
La mia schiena mi fa dannatamente male
e non mi sento per niente bene.
E' come se fossi sotto uno strano incantesimo
e non sono davvero sicuro di potermi fidare
della mia vista e del mio olfatto.
Più avanti c'è un bagliore distante,
come un ruscello dorato che scintilla.
Oh fratello, dimmi! Ti prego.
E' questa la via giusta
o il mio spirito è penosamente fuori strada?
La tua voce si affievolisce.
Le tue parole diventano surreali.
Le ombre si allungano e avvolgono il tuo richiamo.
Più avanti c'è un bagliore distante,
come un ruscello dorato che scintilla
e attira i tuoi passi doloranti.
Lo seguiamo come falene.
Una luce guida attrae nella notte i tuoi passi doloranti.
La seguiamo come falene.
Attraverso un fuoco travolgente ed onnivoro,
circondati dalle ombre,
quasi aneliamo di farci inghiottire dalle fiamme.
Cantando con una convulsa pulsione,
le nostre anime annerite aspirano a farsi strada nella luce.
E' il loro diritto a trascendere.
Le ombre si allungano.
L'aria diventa più viscosa.
I miasmi si fanno più intensi.
Danno fuoco ai libri e c'è odore di carne,
ma posseggono le giuste parole per diminuire il fetore.
Siamo tutti logori e veniamo gettati via come un vestito da quattro soldi.
Siamo tutti logori e veniamo messi da parte.
Ti darei tutto se soltanto potessi,
ma tu non vali niente.

SOMETHING VILE - QUALCOSA DI VILE

Tutti noi sapevano che stavamo combattendo per un'idea.
Che spingevamo per qualcosa di grande.
Qualcosa di glorioso. Qualcosa di virtuoso per tutti noi.
Un futuro radioso per tutti gli uomini.
La maggior parte sapeva che ci opponevamo a un'altra idea.
Qualcosa di vile. Qualcosa di nefando e vizioso.
Un malizioso e deprecabile inferno dell'Uomo.
Pochi di noi sapevano che il maligno
ha una bocca e ha una lingua per suggerire
cosa secondo lui è sbagliato.
Ancora meno tra noi sapevano del suo cuore,
perché aveva un cuore ed occhi per individuarci.
Pochissimi sapevano che doveva essere stato giovane.
Che aveva una sorella, una madre e un padre.
Un'amante che lo aspettava.
Ma tutti sapevano che doveva essere distrutto.
Eppure nessuno sapeva che ha esattamente le nostre sembianze.
Nessuno lo sapeva.

MY BODY, MY BLOOD - IL MIO CORPO, IL MIO SANGUE

Una parola di lode e d'amore.
Migliaia di maledizioni dall'alto.
Una voce dalla tonalità altissima che ti spinge e ti sprona.
Un sorriso per lasciarti andare.
Questo è il mio sangue.
Il mio corpo è lavato dalla corrente.
Due piedi per camminare o per scappare.
Due occhi da chiudere o per vedere.
Due mani per afferrarti o per lasciarti in pace.
Per soffocarti o per lasciarti libero.
Questo è il mio sangue.
Il mio corpo è lavato dalla corrente.
Il mio corpo e il mio sangue.
Una carcassa lavata dalla corrente.

GENTLE TOUCH OF A KILLER - IL TOCCO LIEVE DI UN ASSASSINO

Destinato a una terra avvolta nella nebbia,
un richiamo lontano attira il cieco dentro il labirinto.
Migliaia. Più di migliaia di forme.
Qualche ballo e qualche danza in una beatitudine ignara.
Qualcuno striscia come un verme.
Hanno occhi, ma non vedono.
Riconoscono il suono,
ma non afferrano le parole che pronuncio.
Questo è il mio corpo. E' il mio sangue.
Una carcassa lavata dalla corrente.
Io sono un migliaio di volti e di apparenze.
Qualunque mio nome tu possa sussurrare,
non sarà mai quello vero.
Se mi strappassi la lingua, ricorderesti la mia voce?
Se spezzassi ogni osso, ne riconosceresti il rumore?
Dovrei cavarmi gli occhi. Percepiresti il mio sguardo?
Se mi strappassi le guance, identificheresti il mio viso?
Se mi estraessi tutti i denti, mi vedresti oltre il mio ghigno?
Scava nel profondo della carne per vedere cosa c'è dentro!
Se il nostro colore cambiasse, mi considereresti un amico?
Oppure mi abbandoneresti a una fine prematura?
Per qualcuno c'è un esercito.
Per qualcuno c'è un gregge.
Per altri il diavolo che bussa alla loro porta.

SCREAMING REFLECTIONS - RIFLESSI URLANTI

Un suono penetra l'oscurità che ricopre la sala
e rimbalza tra gli specchi che adornano ogni parete.
Il tuono ruggisce.
Teste si accorpano a mazzi per crescere nel suo grembo,
come se un incantesimo avesse colpito la loro seconda pelle,
riflessa nel buio.
Per ogni eco delle parole, il significato riecheggia più preciso
e nuove voci si aggiungono al coro per cantare ciò che sappiamo.
Nella sala cresce un costante mormorio.
Una verità densa e corposa.
Ogni singolo pensiero rimbomba sulle lucide armature.
Qui, nella sala degli echi, ci sono soltanto soci.
Qui, nella sala degli echi, ogni movimento è votato alla grazia.
Ad ogni nuova alba,
la minaccia dell'imbrunire si nasconde in piena vista.
Qui i presagi sono abbondanti
e si vedono ben delineati in bianco e nero.
E' un luogo pericoloso. Un volto pericoloso.
E' una razza pericolosa. Uno spazio pericoloso.
E il tuono ruggisce.

MIDNIGHT DRAWS NEAR - LA MEZZANOTTE SI AVVICINA

Mi svegliai con l'opprimente sensazione che qualcosa non andasse.
Qualcosa di decisamente immenso.
Pieno d'angoscia rimasi con lo sguardo fisso per qualche tempo,
con la paura costantemente nella testa.
Ogni speranza termina qui.
Dopo quelle che sembrarono ore d'ansia,
come stretto in una gelida morsa,
le lenzuola sudate divennero bagnate.
Mi costrinsi ad alzarmi per scoprirne l'origine
e dare un nome a questa energia minacciosa.
Con mani sudaticce, mi infilai una maglietta,
quando una voce sgradevole mi chiamò.
Immediatamente, ma con cautela, mi avvicinai alla voce
e lentamente cominciai a distinguerla.
Ogni speranza termina qui.
Così il tuo mondo e tutto ciò che hai di più caro.
C'è una pennellata storta su quella tela.
C'è una crepa sul muro.
Tutto è destinato a svelarsi.
L'intera casa sta per crollare
e la morte è sulla soglia.
Un lieve richiamo attraversa il salone.
Tutti i nostri nomi sono sulla lista.
E' il segnale di calare il sipario.
Ogni speranza termina qui.
La mezzanotte si avvicina.
La lancetta dei minuti fa un giro d'orologio.
L'ascia del boia cala sul ceppo.
Se si ascolta attentamente, tutto assume un senso
e le parole si modellano in nuovi significati.
Il mio modo di pensare cambia.
Naturalmente il mondo è condannato da questi diabolici inganni
e dalle loro miriadi di schemi aggrovigliati.
Con mani impazienti, mi infilai la maglietta,
quando una voce sgradevole mi chiamò.
Per arrivare alla lancetta e far girare l'orologio
bisogna soddisfare quel desiderio segreto.
Tic toc.
Ogni speranza termina qui.
La mezzanotte si avvicina.

 

Commenta il post