Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Coroner - No more color

Pubblicato su 14 Agosto 2017 da Federico Fasciano

DIE BY MY HAND - MUORI PER MANO MIA

Metallo scintillante. Un arco di luce.
Occhi rossi. Odore di paura.
Un taglio profondo. Un fiume scarlatto
sulla pelle chiara, al rallentatore.
Il tempo si ferma.
Chiudi le labbra. Trattieni le parole.
Accasciati e dormi con il cuore che sanguina.
Ti porterò lontana, al sicuro
dagli artigli del tempo.
Muori per mano mia!
Ora sei come una rosa di cristallo,
congelata per l'eternità.
Sei riversa sulle mie ginocchia.
Accarezzo il tuo corpo,
dentro la mia testa, al rallentatore.

NO NEED TO BE HUMAN - NESSUN BISOGNO DI ESSERE UMANI

Un nuovo giorno spunta,
dopo una strada lunga ed impervia.
Sto procedendo verso un luogo chiamato casa.
Ma ora sono qui, perso tra le auto
e guardo i volti grigi e muti
di gente che va avanti a distruggere la propria vita.
Perché lo fate? Smettetela adesso!
In realtà siete innocenti come un bimbo appena nato.
L'identità è perduta e non c'è bisogno di nomi.
L'identità è perduta e non c'è bisogno di idee.
L'identità è perduta e non c'è bisogno di resistere.
L'identità è perduta e non c'è bisogno di essere umani.

READ MY SCARS - LEGGI LE MIE CICATRICI

Le mie urla rieccheggiano contro una parete spoglia,
fredda come cristallo.
Conto le ore che strisciano.
La follia soffoca la realtà.
Sbiadita, demolita, riformata,
una nuova dimensione sorge.
La mia mente diventa una fortezza
inespugnabile, sbarrata.
Le mura tra noi costituiscono la sicurezza comune.
Leggi le mie cicatrici e comprendi perché io sono così.
Leggi le mie cicatrici e non chiedermi il perché.
I bisbigli si trasformano in grida.
La luce potrebbe ustionarmi la pelle.
Le mie gambe sono strumenti inservibili.
I miei occhi sono quasi ciechi.
Guardo il mondo soleggiato al di fuori,
ignorando i fatti.
Simulo sorpresa. Dimentico in fretta.
La libertà è un dono.

D.O.A. - VIVO O MORTO

Non mi muoverò finché il sole non illuminerà la notte
e la luna non si scioglierà sulla mia pelle.
L'acqua muta in fuoco
e le fiamme diventano ghiaccio.
Non mi muoverò finché non avrò assaggiato un vino scuro,
prodotto con le sofferenze più profonde
e avrò assorbito i venti della tribolazione,
su campi di sangue e lacrime.
Le immagini si spostano veloci. La fine è imminente,
ma io infrangerò le leggi del tempo.
Non mi muoverò finché non mi sarò immerso
in una scia di mistero,
alla ricerca del sacro verme bifronte,
che striscia nel profondo della mia anima.

MISTRESS OF DECEPTION - SIGNORA DELL'INGANNO

Un calore rossastro. L'orizzonte galleggia.
E' un labirinto senza pareti.
Grazia e bassezza mischiate come mai in precedenza.
L'inferno in terra. La legge del deserto,
dove acqua significa oro.
Il respiro brucia tra artifici mortali
e due mondi dipinti con la disgrazia,
dove acqua significa oro.
Signora dell'inganno.
Figlia della morte.
Il regno del sole è spietato e invincibile.
Un calore rossastro. L'orizzonte galleggia.
E' un labirinto senza pareti.
La tempesta, culmine della sua natura selvaggia,
inghiotte ogni traccia di eternità.

TUNNEL OF PAIN - TUNNEL DI DOLORE

Una corsa senza fine. Un dolore illimitato.
Migliaia di parole cozzano nel mio cervello.
Migliaia di labbra che cercano una spiegazione,
ma non trovano mai risposte.
Sono pressato in modo serrato.
Non mi sento al sicuro. Non mi sento a casa mia.
E' una condizione diversa. Una particolare libertà condizionata.
Le decisioni sono incalzanti. Quel che farò, farò.
Prendi quella pietra e rimpiazza il mio corpo.
Prendi quella pietra e rimpiazza la mia anima.
Prendi quella pietra e rimpiazza il mio cuore.
Prendi quella pietra e sostituisci tutto.
Sono perduto. Sono nato sul versante oscuro.
La mia vita è un tunnel di dolore.
Sono esaurito e prostrato,
ma ancora raggiungibile e chiamo a gran voce.
Portami via, lontano.
Portami via da tutto.

WHY IT HURTS - PERCHE' FA MALE?

Solitario, spalanca le ali,
impaziente di risvegliare in me il fuoco.
Lentamente volteggia su di me
e arde di intenso desiderio.
Non so perché fa male,
nè perché diavolo accade tutto questo.
Quando resto insonne la notte,
lo sento tutto intorno a me,
sinuoso come un serpente antico
e il suo respiro putrescente mi avvolge.
Non so perché fa male,
nè perché diavolo accade tutto questo.
Mi riempie la testa di parole,
ma quando vorrei parlare,
non so che cosa dire.
Mi sento come se pezzi di vetro
mi tagliassero il cuore.
Lo vorrei con ogni fibra del mio corpo,
anche se mi sta lacerando.

LAST ENTERTAINMENT - L'ULTIMO INTRATTENIMENTO

Una messinscena.
Un gioco di ombre da quattro soldi,
venduto a caro prezzo.
Il trionfo di una cultura decadente.
Un cuore marcio circondato
da un cerchio di persone senza volto,
che si leva come l'esplosione
di un gigantesco cilindro di granito.
Vittime inermi, con le loro fughe senza speranza,
respirano con la faccia nella polvere e uno stivale premuto sul collo.
La paura nei loro occhi
fa rallentare il battito del cuore
agli spettatori di una giustizia ben eseguita.
E' un progresso a spirale, inarrestabile.
Sorgenti esaurite sostituite da perversioni.
Ora scendiamo laggiù, nel regno del sangue
e c'immergiamo in un mare di corpi putrefatti.
Cambierete voi stessi durante le scene di morte,
ma le ricomprerete perché la noia conduce al desiderio.

 

Commenta il post