Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Coroner - Grin

Pubblicato su 11 Agosto 2017 da Federico Fasciano

THE LETHARGIC AGE - L'ERA LETARGICA                
                
Migliaia di anime sono in attesa                
di un giorno che non verrà mai.                
Migliaia di occhi sono ancora sbarrati,                
perché hanno paura di guardare il mondo.                
Due migliaia di mani legate                
con catene dorate che si sono comprati da soli.                
Due migliaia di gambe che non possono camminare,                
perché non hanno mai imparato a muoversi.                
Abbiamo capito!                
Migliaia di cuori che sanguinano,                
a dispetto dei chiodi di un dolore sconosciuto.                
Migliaia di teste prostrate,                
che supplicano per ottenere misericordia                
e che pregano per accumulare oro.                
Due migliaia di piedi che inciampano                
su strade che non portano a nulla.                
Due migliaia di orecchie assordate dal baccano dell'opulenza.                
Non capite che state tenendo la vostra natura                
incatenata in una grotta buia come il carbone?                
Non capite che state adorando un'aquila dalle ali spezzate?                
Rose che non sbocceranno mai.                
Ruote che non gireranno mai.                
Campane che non suoneranno mai.                
Mani troppo lontane da raggiungere.                
                
INTERNAL CONFLICTS - CONFLITTI INTERIORI                
                
Frantumerei il mio cranio, quando mi sento come se lo facessi.                
Mi spezzerei le ossa, quando mi sento come se lo facessi.                
Mi taglierei le vene, quando mi sento come se lo facessi.                
Mi sminuzzerei la pelle, quando mi sento come se lo facessi.                
Sì! Autodistruzione!                
Mi spaccherei i denti, quando mi sento come se lo facessi.                
Mi squarterei il volto, quando mi sento come se lo facessi.                
Ma non ti toccherei mai.                
                
CAVEAT (TO THE COMING) - AMMONIMENTO (PER CIO' CHE STA ARRIVANDO)                
                
Bambini, fragili menti, attenzione!                
Questo mondo sta per tagliarvi i capelli.                
Questo mondo sta per candeggiarvi la pelle.                
Questo mondo sta per rinchiudervi.                
Delicate, fragili menti, attenzione!                
Questo mondo vi apparirà freddo e spoglio.                
Questo mondo vuole divorare tutti i vostri sogni,                
ma c'è di più di quel che sembra.                
Eppure voi non cambierete ciò che potrete.                
Non cambierete ciò che dovreste.                
Bambini, fragili menti, attenzione!                
Il sole è sul punto di sparire.                
Concreto è il pericolo sulle nostre teste.                
Abbandonate quel luogo di caos e paura.                
                
SERPENT MOVES - I MOVIMENTI DEL SERPENTE                
                
Mi sto muovendo e sto cambiando.                
Potrei trovare me stesso là fuori,                
sulle terre del deserto.                
S'innalza la luna.                
Evoco i morti.                
Tocco il cielo.                
Maledico la sabbia.                
Potrei disfarmi di me stesso là fuori,                
sulle terre del deserto,                
come un serpente che perde la pelle                
con movimenti sinuosi,                
su un terreno di peccati.                
                
STATUS: STILL THINKING - STATO: ANCORA PENSANTE                
                
Non voglio sapere il nome di tuo fratello.                
Non voglio conoscere il viso di tua sorella.                
Non voglio sapere l'età di tua madre.                
Non voglio sapere lo stipendio di tuo padre.                
Non voglio conoscere i tuoi vecchi amici.                
Non voglio sapere i tuoi pensieri segreti.                
Non voglio sapere di che droghe fai uso.                
Voglio solo sapere il perché.                
Non voglio conoscere il disegno generale.                
Non voglio sapere delle ore trascorse.                
Non voglio sapere chi vincerà la guerra.                
Non voglio sapere di tutto quello che non c'è più.                
Non voglio vedere il sole oggi.                
Non voglio vedere le masse che pregano.                
Non voglio vedere i bambini che giocano.                
Vorrei solo capire perché ti odio.                
Ti odio!                
Non voglio sentire di nessuna tragedia.                
Non voglio sentire delle cose che hai visto.                
Non voglio sentire nessuna campana per le nozze.                
Non voglio sentire di nessuna danza funebre.                
Non voglio provare nessuna brezza tiepida.                
Non voglio sentire che mi tocchi.                
Non voglio sentirmi come se fossi sotto processo.                
Vorrei solo essere certo di sapere.                
                
PARALIZED, MESMERIZED - PARALIZZATA, MESMERIZZATA                
                
Sorriderò quando ancora stai piangendo.                
Sarò nella luce quando ancora ti nasconderai.                
Sarò già lontano quando tu ancora dormirai                
e ricorderò sempre questa convinzione.                
La fine della strada. La fine di un amore.                
La fine dei giochi. La fine della gloria.                
La fine dell'estate. La fine della libertà.                
Ti lascerò indietro come paralizzata, mesmerizzata.                
Arriverò a capire quando tu ancora ignorerai.                
Userò le ali quando tu ancora camminerai.                
Potrò dire la verità quando ancora tu dovrai mentire                
e mi chiederò perché rimani indietro,                
proprio come se fossi paralizzata, mesmerizzata.                
                
GRIN (NAILS HURT) - SORRISO (LE UNGHIE FANNO MALE)                
                
Oppressione. Peso, una tonnellata.                
Depressione. Macchie nere.                
Regressione. La direzione presa dalle situazioni.                
Aggressività. La mia ultima risorsa.                
L'amore non ha mai attraversato la mia strada.                
Attenzioni. Ma mai per me stesso.                
La pace significa ricaricare una pistola.                
Riposare. Non ci riuscirò prima di morire.                
Unghie nel mio cervello.                
Quello che mi resta è soltanto il sorriso.                
Il sorriso, finché non mi perderò.                
Adrenalina. Una droga legale.                
La rabbia corrode il mio cuore.                
Noia. Nitroglicerina.                
Violenza. Una paura primitiva.                
Unghie nel mio cervello.                
Le unghie fanno male.                
Religione. Innocenza brutale, senso di colpa e panico.                
Siamo esposti a tutto questo in una falsa realtà.                
Osservo la società e vedo                
più lucchetti che chiavi.                
                
HOST - OSPITE                
                
Ancora ed ancora,                
ti avvolge come un viscido lick* che crea un incendio.                
Una pericolosa spina penetra il mio cervello.                
Un agile parassita che ritorcendosi butta fuori flussi di plasma                
e si infratta, sicuro di riuscire ad entrare nel mio cervello.                
Si riproduce e trasuda. Brucia e vive.                
Pezzo dopo pezzo, mi conosce e io mi accorgo                
quando mi scivola dentro e quando esce.                
Resta accanto a me, nel segreto, tutto solo.                
Ogni momento faccio quello che mi spinge a fare.                
Conquista una piccola parte di me e la consuma,                
come fosse un tributo al suo dio.                
Come se fossi il suo tempio e la sua vittima,                 
il mio sangue scorre sui pavimenti di marmo,                
proprio come in una folle circolazione sanguigna                
e fa ritorno al mio cuore corroso.                
Solo allora capisco che c'è una porta.                
C'è soltanto una porta ancora chiusa.                
La apro ed esso                
si riproduce e trasuda. Brucia e vive. 

Note:   *(Riff senza tema portante)              

 

Commenta il post