Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Evergrey - Torn

Pubblicato su 11 Novembre 2015 da Federico Fasciano

BROKEN WINGS - ALI SPEZZATE

Sconfitto, cado tra le tue braccia.
Rifuggo la paura e l'oscurità del giorno,
come un angelo che ha perso la grazia di Dio.
Le mie ali spezzate non reggono più il mio peso.
Sono stato così vicino a sentire il calore delle fiamme.
Così vicino da non potermi più sentire al sicuro.
Darei qualsiasi cosa per lasciarmi alle spalle il terrore e scappare.
Dimenticare quella croce macchiata di colpe.
Liberare le braccia, prima una poi l'altra.
Non è un mio errore. Non è mia la responsabilità.
Le ali troncate dal passato non dovrebbero caricarsi di vergogna
e gli anni che ancora si sopportano
dovrebbero rappresentare la forza per guardare tutto scorrere via.
Comprendi la paura che provo?
Senti il mio dolore e le mie lacrime?
Le mie ali spezzate non reggono più il mio peso nel buio del giorno.
Ogni speranza è ridotta in cenere
e sono così stanco di nascondere le ustioni.
Le ferite così profonde non aiutano a guarire.
Il dolore inflitto è solo una falsa liberazione.
Sono preziosi quei momenti in cui riesci a sognare
un giorno in cui anche tu potrai tornare a sentire qualcosa.

SOAKED - FRADICIO

Il mio petto è spalancato. Il mio cuore è a terra.
I miei piedi nudi sono fradici di sangue,
quando ti lascio nel silenzio più totale.
Non c'è nessuno verso cui tendersi, sebbene mi spinga lontano.
Nessun cielo che mi possa riscaldare,
quando le nubi oscurano la tua malinconia.
Me ne vado.
Non potrei vivere nella vergogna.
E' inutile negarlo. Ho smesso di cercare le mie colpe.
Mi dirigo verso un suolo vergine.
Il mio piede si posa su un terreno sacro,
dove non c'è nessuno che si possa incontrare. Nessuno.
Ventisette anni di rovina. Ventisette anni schiavo dell'inverno.
Ventisette anni di sogni e questa è tutta la forza che la vita sa dare.
Ventisette estati sempre più debole. E gli autunni sono uguali.
Ventisette anni.
Se tu me lo chiedessi, forse negherei
che non ho le energie per combattere questa debolezza che mi annega
e che ho sepolto tutte le tracce in grado di rivelare ciò che sento nel profondo
e i resti di ciò che sono.
Non ci sarà nessun domani.
Non vedrò nessuna luce del giorno.
Basta dolore e sofferenza!
Sono libero dalle parole che potresti pronunciare.

FEAR - PAURA

Ti ho abbandonata,
anche se tutto ciò che sentivo era vero.
Fare un passo e non arrivare alla meta oltre queste mura.
Sperare che le stelle si allineino,
in modo che gettino una luce sulla mia destinazione prescelta.
Fisso negli occhi la mia più grande paura.
Ingoio l'orgoglio e vado avanti.
Ho paura del mio cuore e ho paura della mia anima.
Ho paura di essere debole.
Ho paura di te e del gelo del tuo mondo.
Ho paura di affogare nei tuoi mari
e di sbagliarmi quando dico che non ne faccio parte.
Dopo tutte le notti in cui ho perso la grazia.
Dopo tutte le notti in cui ho smarrito la strada,
ho solo bisogno di una singola ora
in cui tutti i dubbi vengano cancellati.
Se potessi mi incoronerei re ogni giorno.
Se potessi farei sapere a me stesso che sto bene.
Se potessi mi getterei tra le fiamme.
Vorrei un sonno senza sogni.
Qualcosa capace di mantenere il silenzio
sulle grida di paura che rendono impossibile avere il controllo.
Voglio solo piangere.

WHEN KINGDOMS FALL - QUANDO I REGNI CROLLANO

E' come quando i regni crollano e tu sei abbandonato senza garanzie.
E' come quando i sogni sono tutto ciò che hai
e in ognuno di essi c'è lei.
Tutto ti riporta a quando ti sentivi al sicuro durante il sonno
e i cerchi su cui vaghi diventano più larghi e più ampi.
Scende la neve dell'inverno, così vivida.
Eppure non ha vita, né direzione.
I giorni bui e tutto ciò che si portano dietro
ti fanno sentire parte di una vita disgraziata.
Quanto ho aspettato di liberarmi da un'esistenza che sembrava perduta!
I giorni sono diventati anni.
E' come quando i regni crollano e il mondo si presenta pieno d'inganni.
Le parole di conforto non mi arrivano.
Non mi sfiorano nemmeno, dentro questo isolamento autoimposto,
in cui non si vede nulla e non si sente nulla.
Ogni tanto mi permetto di uscire,
giusto per infliggermi un po' di dolore.
Le ombre gettano rimpianti sul muro.
Sono solo quando il mio impero va in rovina,
ma è soltanto l'ennesimo giro (sul cerchio).
Spero arrivi presto il giorno
che mi condurrà al luogo del mio riposo definitivo.
Lasciatemi solo, cosicché mi senta al sicuro!
Lasciate che mi apra e mi confidi,
in un mondo con cui non mi senta in conflitto.

IN CONFIDENCE - IN CONFIDENZA

Era solo una fase?
Era tutta una bugia?
E' stato il tuo primo errore?
O forse sono stato cieco,
dato che le parole non significano niente
e sono prive di valore e sostanza?
Quello che c'era tra di noi era il nulla.
Qualcosa di nessun peso.
Ho perso la volontà di capire.
Ho perso la capacità di vedere con chiarezza.
Sono a pezzi e ci osservo sbiadire. Tutto a causa di una bugia!
Ti ho parlato in confidenza.
Mi sono fidato del fatto che non avresti tradito il nostro silenzio.
Dovrò risorgere dalle mie ceneri
e convivere con le tue promesse infrante.
Non saprò mai se sei esistita davvero,
né se fossi qualcuno di cui ci si poteva fidare.
Sono troppi i dubbi a cui rispondere.
Forse era solo una fase.
Forse era tutta una bugia.
E' stato il mio primo errore,
ma l'ultima volta in cui sarò così cieco.
Non tradirei mai la fiducia e la parola data. Mai!

FAIL - FALLIRE

Vorresti che non avessi mai assistito,
quando sono venuti a portarti via?
Vorresti che avessi creduto che ti saresti fermata?
Che non te ne saresti andata?
Pensavi che non ti avrei mai lasciata andare?
Che sarei rimasto lì tutto il tempo, dalla notte al giorno?
Pensavi che sarei sempre stato lì per salvarti?
Che ti avrei portato in braccio sotto la pioggia battente?
Come hai potuto negarmi la speranza?
Come avrei voluto poterti vederti camminare sulle acque!
Come hai potuto negarmi la speranza,
quando tutto ciò che hai fatto è stato ferirmi?
Pensavi che avrei accettato tutte le responsabilità
con cui mi hai fatto convivere?
Hai riflettuto su tutti i sensi di colpa che mi hai fatto venire?
Credevo di esserti vicino, come uno che è sempre presente,
ma mi sbagliavo di grosso pensando di conoscerti.
Così adesso rivivo quel momento ogni giorno
e chiedo perdono per tutte le cose che non avrei mai dovuto dire.
Come posso sbarazzarmi di questi pensieri
e cacciarli via una volta per tutte?
Potresti rinuciare a ogni tuo tentativo di farci fallire?
Tutto ciò che hai fatto è farmi sprofondare sott'acqua.
Non mi puoi offrire un'occasione per dimostrarti che sono cambiato?

NUMB - INSENSIBILE

Dammi una ragione per cui dovrei seguirti!
Una sola ora in cui possa diventare come te.
Le profezie sono inique e ingiuste per i nemici.
Tutte quelle notti di sonni angoscianti,
quando vorresti che ci fosse qualcuno con te!
Diventi insensibile nei confronti del mondo, anche se non sei solo.
Ti sei mai sentito così?
Ferito e senza possibilità di guarire?
Hai mai passato ciò che ho passato io, pur respirando ancora?
Ti prego di ascoltarmi!
Ti supplico di curare le mie ferite sanguinanti!
Non ho mai visto nulla nei tuoi occhi,
ma quello che provo è autentico da sempre.

TORN - LACERATO

Cammino nei cimiteri da solo. Nel silenzio.
Ammiro il loro coraggio. Invidio la loro morte.
I miei passi lasciano le orme di un'ennesima anima abbandonata
e le mie scelte continueranno a ossessionarmi,
finché me ne andrò.
Sono troppo smarrito nella rabbia.
Sono troppe le paure che provo
e tutti questi pensieri conflittuali mi procurano ferite inguaribili.
Spingono la mia testa sott'acqua e mi fanno sentire stanco e lacerato.
Se soltanto le cose fossero diverse!
La mia anima e la mia interiorità sono alterate.
Non esiste pace.
Non sono così lontano dal poter dimostrare il mio valore,
ma indosso l'abito della sconfitta.
Assisterò all'ennesima alba sull'orizzonte
e la mia battaglia infurierà per sempre.
Se soltanto le cose fossero diverse!
Se soltanto mi si presentassero sotto una differente prospettiva
e mi insegnassero un modo per relazionarmi!
Se soltanto potessi chiudere tutte le porte sulle direzioni sbagliate
e mi venisse offerto un nuovo inizio!
Non ho mai preteso di essere qualcuno che non sono,
ma ho vissuto con la costante paura di essere dimenticato.
Mi sono talmente smarrito da perdere ogni valore.
Sono stato lacerato da un mondo di sofferenza.

NOTHING IS ERESED - NIENTE SI CANCELLA

Sono avvelenato in un mare rosso sangue.
Sono crollato in modo irrecuperabile.
Il mio colore è l'unione delle lacrime e di migliaia di ferite aperte.
Sono divorato dalla forza di onde che sembrano lingue di fuoco.
Schiavo di anni persi nel nulla, mi abbandono al silenzio.
Quando sono arrivato, tu già non c'eri più.
Le tue mani non possono più stringere le mie.
Oggi per me sei morta e mi hai reso libero,
ma le ferite che hai causato resteranno,
perché niente si cancella.
Affermi di non esserne responsabile.
Dici che non è tua la colpa,
ma anche se oggi sei morta, nulla si cancella.
Davvero pensi che avremmo resistito per sempre?
Forse è perché non ti sei mai fermata a riflettere.
Le nostre ferite non sono autoinflitte.
Sono le tue parole la causa di tutto.
Cosa accadrebbe se ti dicessi che sono diverso?
Cosa accadrebbe se ti dicessi che sono cambiato?
Davvero non ti importerebbe?
A me basterebbe un po' di fiducia.
Se mi donassi il tuo cuore, lo custodirei e lo proteggerei.
Ma le ferite che hai causato resteranno,
perché niente si cancella.

STILL WALK ALONE - CAMMINO ANCORA DA SOLO

So che mi osservate e che l'avete sempre fatto.
Ma se chiudete gli occhi mi farete sparire.
Vi chiedete mai se dormo la notte
o me ne sto seduto nel silenzio?
O pensate di essere sempre nel giusto?
Non posso condividere i vostri sentimenti di gruppo
e non ho mai finto di essere qualcos'altro,
anche se tutte le porte erano sbarrate.
Provi a emanare luce quanto è possibile
e cerchi di non essere un peso.
Gli altri capiranno che ho cercato di essere il massimo che ho potuto
e di gridare meno forte di quello che forse avrei dovuto?
Non negate che, se ne avessi avuta la forza, sarei stato uno di voi!
Ma anche se il mondo fosse stato diverso.
Anche se il mio cuore fosse stato di pietra.
Anche se fossi stato una persona differente,
in ogni caso avrei camminato sempre da solo.

THESE SCARS - QUESTE CICATRICI

Cammino verso il tramonto.
Dimostrerò che sono schiavo dei loro cuori feriti,
poiché le loro richieste hanno bisogno di qualcosa di più.
E nonostante io sia debole e non riesca a correre,
devo dimostrargli che sono forte,
anche se sto attraversando altre ferite e altro dolore.
Che senso ha esserci arrivato vicino?
Se ti ci accosti, almeno puoi averne un assaggio.
Ma che senso ha provare a raggiungere la meta,
se tutto ciò che trovi sono porte sbarrate?
Vorrei tanto aver provato quel senso di appartenenza al gruppo,
invece sono condannato alla solitudine.
Tutte le porte erano sbarrate.
Notti di sonni angoscianti,
senza nessuno che calmi le tue urla.
Si va oltre ciò che si è in grado di sopportare.
La campana della libertà ci renderà liberi.
Sono caduto troppo in basso, senza un appoggio,
dopo migliaia di notti insonni.
Ogni speranza di luce si è frantumata davanti a me,
impedendomi di trovare un'uscita.
Ha ostacolato il mio tentativo di scappare dal buio
e mi ha costretto a restarci dentro.
Tutto ciò che mi chiedo è: perché?
Che senso ha provarci,
quando tutto ciò che si ottiene è sempre più lontano dalla superficie?
Che senso ha essere forti a sufficienza?
Raccogliere le energie e tirarsi su?
Mostrarsi coraggiosi e affrontare la situazione,
quando tutto ciò che si ottiene è sempre più lontano dalla superficie?

CAUGHT IN A LIE - PRIGIONIERO DI UNA MENZOGNA

Non sono mai stato così insicuro.
Non mi sono mai sentito così lacerato.
In una sola parola: sono stato "cieco".
Avrei dovuto capire? Avrei dovuto sapere?
Erano soltanto miti accennati su di te.
Non posso credere di aver riposto in te la mia fiducia.
Non posso credere di essermi aperto a te.
In una sola parola: sono stato "cieco".
Sono rimasto senza parole. Ho perso la strada,
ma sono stato guidato.
Pensavi che sarebbe passata inosservata?
E' a causa della speranza se sono finito prigioniero della tua menzogna!
Volevi davvero che fossi io?
Con le unghie affondate nei palmi e il peso dell'inganno tra le braccia,
guardo verso il cielo e mi ferisce la vista come fosse fuoco.
Ora lo so! La salvezza è per i bugiardi.
E' inutile riflettere sulle motivazioni dietro il fallimento.
Cercherebbero solo di farmi trovare la via oltre la quale ci sei tu.
La finzione dei tuoi occhi ingannatori.
Ma per chi valeva la pena il tuo sacrificio?
Dentro sono nudo.
Dentro sono soltanto uno spazio vuoto.

 

Commenta il post