Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Turisas - The varagian way

Pubblicato su 17 Settembre 2015 da Federico Fasciano

TO HOLMGARD AND BEYOND - VERSO HOLMGARD E OLTRE            
            
Lontani oltre il mare e terre distanti            
giungono uomini con trenta navi.            
Vogliono approdare a Neva di notte,            
ma il clima non è dalla loro parte.            
Quando il vento cresce sempre più forte,            
la pioggia ci colpisce sulle guance.            
La prua punta verso Gardar.            
Le vele sono ancora tese.            
Verso Holmgard e oltre!            
Ecco dove il vento ci guiderà!            
Per la gloria e per l'oro            
isseremo le vele verso quelle terre sconosciute.            
Osmo e Dalk, Kyy, Kokko e Ulf            
sono felici di poter lasciare i remi.            
Turo ha mangiato troppo ancora una volta            
e si sporge fuori bordo.            
I gemelli Tonstensson sono entusiasti come sempre.            
L'avventura per loro è un gioco.            
Io, Hakon il Bastardo,            
sono qui per ritrovare il mio nome.            
Che cosa è l'uomo senza un passato?            
E' come un fiume senza sorgente?            
Come un avvenimento senza una causa?            
Sono fili di lunghezze diverse,            
alcuni più lunghi, altri più corti,            
molti di essi intrecciati tra loro.            
Le streghe continuano a tessere gli algoritmi delle nostre vite.            
Causa ed effetto sono i destini dell'uomo.            
Conosciamo la rotta verso Aldeigju.            
A monte, sul fiume Alode,            
che ci conduce ai porti di carico e oltre, (più a sud).            
Lunga è la strada verso l'ignoto.            
Lunghi sono i fiumi dell'Est.            
In lontananza si trova la terra che Ingvar            
e i suoi uomini cercarono di raggiungere.            
Molti pericoli ci aspettano più avanti            
e alcuni di noi non faranno mai ritorno.            
Potrebbero essere venduti come schiavi ai Saraceni            
e incatenati a un letto, come prigionieri della vita.            
            
A PORTAGE TO THE UNKNOWN - UN PERCORSO VERSO L'IGNOTO            
            
Ci siamo diretti attraverso il mare.            
Abbiamo remato per miglia e miglia contro corrente.            
Abbiamo costeggiato Aldeigjuborg            
e abbiamo visto il luccicante lago Ilmen.            
Ingvar prese il comando oltre Holmgard, come deciso            
e cosa la fine di Lovat significasse,            
lo scopriremo presto.            
Giunge col sudore l'alba di un nuovo giorno.            
Le funi tagliano la carne,            
come hanno sempre fatto in tempi passati.            
Vedo il mio alito. Le mani sono intorpidite.            
Siamo ormai lontani da casa.            
Davanti ai miei occhi c'è un cammino infinito.            
E' stata una partenza veloce, senza tempo per gli addii.            
Che cosa troveremo e cosa ci siamo lasciati alle spalle?            
Non torneremo, toglietevelo dalla testa!            
L'acqua diventa sabbia.            
Laghi e fiumi si trasformano in terra.            
Grattiamo il fondale pietroso.            
Il viaggio ha piegato gli alberi.            
Ci siamo avvicinati passo dopo passo            
e quella che era una nave ora è una chiglia.            
Sei spigoli regolari e sei vertici.            
Sei triangoli equilateri.            
Sei superfici quadrate in altre direzioni.            
La Terra di Platone è trasparente.            
Date quello che avete!            
Spingete quanto potete!            
Grattiamo il fondale pietroso.            
Il viaggio ha piegato gli alberi.            
L'acqua diventa sabbia.            
Laghi e fiumi si trasformano in terra.            
Mi è stato tolto il tappeto da sotto i piedi.            
La vita è fatta di menzogne e inganni.            
Mi resta soltanto un simbolo sul petto            
e il comando in questa impresa disperata.            
Sono stato marchiato alla nascita con il segno di Perun.            
A est del sole e a ovest della luna,            
il viaggio continua e il vento del nord sarà la mia guida.            
Ovunque andrò gli dèi sono al mio fianco.            
            
CURSED BE IRON - MALEDETTO SIA IL FERRO            
            
Maledizione su di te, spietato ferro!            
Maledizione all'acciaio a cui hai portato!            
Maledizione su di voi, lingue del maligno!            
Maledetta sia la vostra esistenza per sempre!            
Una volta il vostro valore era modesto.            
Non avevate né forma, né bellezza.            
Nè forza, né grande importanza.            
Nelle forme del latte riposavate            
e per anni siete rimasti nascosti.            
Nel seno degli déi,            
c'erano tre figlie, celate nel loro abbondante grembo,            
sul bordo di una nuvoletta nel blu della volta celeste.            
Una volta il vostro valore era modesto.            
Non avevate né forma, né bellezza.            
Né forza, né grande importanza.            
Una volta dormivate come acqua            
sulla vasta superficie degli stagni            
e sulle scoscese pendenze delle montagne.            
Eravate materia senza forma.            
Semplice polvere dai colori rugginosi.            
Sicuramente il vostro significato era custodito nel vuoto della grandezza.            
Non avevate né forma, né bellezza            
quando gli alci vi calpestavano            
e quando i caprioli vi saltavano sopra.            
Quando lastricavate le vie dei lupi            
e le zampe degli orsi grattavano la vostra superficie.            
Sicuramente avevate poco valore            
quando gli abili Ilmareni, i primi lavoratori del ferro,            
vi trasportavano dalle oscure terre di palude            
e vi consegnavano agli antichi fabbri,            
gettandovi nelle fornaci infuocate.            
Di sicuro avevate scarso vigore,            
poca forza e nessuna pericolosità            
quando fischiavate nelle fiamme            
e scivolavate nell'acqua ribollente delle fornaci dei fabbri.            
Quando servivate ai giuramenti dei più forti.            
Nella fornace e sull'incudine.            
Con tenaglie e martelli.            
Nelle botteghe dei maniscalchi e nel fuoco dei forni.            
Ora davvero siete cresciuti possenti            
e potete ruggire nella furia più selvaggia.            
Voi che avete infranto le promesse            
e frantumato tutti i patti solenni!            
Simile a quello dei cani è il vostro onore pieno di vergogna.            
E' un'infamia gettata su di voi e sui vostri simili,            
corrotti da uno spirito malvagio.            
Diteci chi vi ha condotto a questi crimini!            
Diteci chi vi ha insegnato la malizia!            
Diteci chi vi ha dato la vostra cattiveria!            
Ditemelo! Ditemelo adesso!            
Sono stati vostro padre e vostra madre?            
Sono stati i vostri fratelli maggiori?            
Sono state le vostre sorelle minori?            
Sono stati i peggiori della vostra specie?            
Non vostro padre e vostra madre.            
Non i vostri fratelli maggiori,            
né le vostre sorelle minori.            
Non i peggiori della vostra specie,            
ma da voi stessi avete compiuto queste atrocità.            
Voi siete la causa di tutti i nostri guai!            
Venite a vedere i vostri crudeli misfatti            
e rimediate a questo fiume sciagurato!            
            
FIELDS OF GOLD - CAMPI D'ORO            
            
Lunga è la via che abbiamo percorso,            
ma ancora non è cambiato molto sotto il sole.            
In questi giorni che stiamo vivendo,            
il vento scuote i campi d'oro.            
Somma zero è il nome del gioco?            
Vincere o perdere.            
La mia vittoria è la vostra sconfitta.            
Prendete e mangiate la vostra fetta di torta!            
Lunga è la via che abbiamo percorso,            
ma ancora non è cambiato molto sotto il sole.            
Pochi hanno trovato la pietra,            
cercando nei campi d'oro.            
I migliori tra i carpentieri hanno costruito per giorni e notti            
flotte che ora giacciono perdute in fondo del mare.            
E' un pareggio la vittoria?            
Un doppio nodo la sconfitta?            
E' una lotta per l'esistenza?            
Vita-morte: 0-0            
Lunga è la via che abbiamo percorso,            
ma ancora non è cambiato molto sotto il sole.            
Teniamo tenacemente la rotta            
e combatteremo per i campi d'oro.            
            
IN THE COURT OF JARISLEIF - ALLA CORTE DI JARISLEIF            
            
E' il momento di fare un brindisi al nostro generoso anfitrione!            
Jarisleif!            
Governatore del Rus da costa a costa!            
Possa la birra scorrere, finché saremo rimasti almeno in due!            
Tutte voi belle ragazze, venite! Teneteci al caldo!            
Stasera berremo. Nella sala non c'è spazio per pensieri cupi.            
Riempite i vostri corni!            
            
FIVE HUNDRED AND ONE - CINQUECENTO E UNO            
            
Nuovi amici!            
La scorsa notte è stata fatta un'offerta.            
Nordbrikt lascerà partire cinquecento soldati.            
Lunga sarà l'ora in cui resteremo svegli.            
Dormire è difficile quando c'è così tanto in gioco.            
Ho raggiunto il mio scopo.            
Ho aperto l'ultima porta            
e oltre quella c'erano altre tre porte.            
Sono sdraiato sul mio letto            
e penso alle cose che hanno detto.            
Il tempo scarseggia.            
Sono indeciso su cosa fare.            
Fuori in mare aperto ho navigato senza segni.            
Nessun segnale sulle coste opposte, nè indicazioni di luce.            
Se tornassi indietro o restassi qui la mia forza diminuirebbe.            
O si va avanti o affonderò.            
Mi sollevo dal mio letto            
e penso alle cose che hanno detto.            
Il momento si avvicina.            
C'è una possibilità ogni anno, quando l'acqua è più alta.            
Corridoi. Corro.            
Pesanti porte. Quale scegliere?            
Da dove sono venuto? Ero già qui?            
Tutto sembra così familiare, eppure non ne ho idea.            
Nordbrikt lascerà partire cinquecento e uno soldati.            
"La gioia e il dolore in cui ci siamo imbattuti            
sono sempre stati un'unica cosa.            
Il vostro cuore mi seguirà            
e forse domani troverete quello che cercate.            
Andiamo ora e non guardiamo indietro!            
Portate i miei saluti al re greco!"            
Il vento soffia con fierezza sullo stendardo del corvo.            
Le aquile lassù crescono in numero.            
Pieni di speranza ed eccitazione, fianco a fianco,            
cinquecento e uno uomini prendono il mare.            
Lunga è la via verso l'ignoto.            
Lunga è la strada che abbiamo percorso.            
Sulla prua della nave un corno viene suonato.            
Partiamo nel sole del mattino.            
Cinquecento e uno.            
            
THE DNIEPER RAPIDS - LE RAPIDE DEL DNIEPER            
            
Un fragore terrificante si ode da molto lontano            
e inghiotte ogni altro suono.            
Messi a tacere i versi degli uccelli e le voci dell'uomo,            
si avverte soltanto uno spaventoso brontolio.            
Il silenzio piomba sugli uomini,            
quando il fiume sembra finire.            
Poi…            
Nubi di condensa. I Pecheneg* pregano.            
L'insaziabile oggi è affamato.            
Evitare le rocce è indispensabile.            
L'occhio dei gorghi si apre dalle profondità della Terra.            
Come nel domino, sei chiuse crolleranno,            
una dopo l'altra.            
Il Serpente del Mondo sorgerà dal fango            
e avvelenerà il cielo.            
Nubi di condensa. I Pecheneg pregano.            
L'insaziabile oggi è affamato.            
La corrente brutale spazza via Karl.            
Un unico errore si paga con la vita.            
Una visione di cui hanno solo sognato si apre davanti a loro.            
Sono ancora terrorizzati dal pericolo e dall'avversità,            
quando il fiume giunge alla sua fine.            
            
Note:    *(Antica tribù turca)        
            
MIKLAGARD OVERTURE - OVERTURE DI MIKLAGARD            
            
A lungo ho navigato senza rotta,            
sopra una nave senza timone.            
Il Nilo continua a scorrere senza una sorgente.            
Che i viaggiatori abbiano fallito?            
Verso Holmgard e oltre, alla ricerca di un legame,            
mi sono spinto lontano da casa,            
ma la strada è appena cominciata.            
Si respira la storia velata dal mistero.            
La sublime e la più grande dei nostri tempi.            
Tsargrad!            
"Venite con noi verso sud!            
Scrivete i vostri nomi sui rotoli (di pergamena)!" mi è stato detto.            
Costantinopoli, l'Unica.            
Santi e imperatori di secoli andati.            
Uccelli creati dall'uomo tra i rami cantano coi loro trilli d'immortalità.            
Con colori meravigliosi l'Oriente incontra l'Occidente            
e le alture delle colline crescono nel verde.            
Pieno di stupore siedo sul mio forziere vuoto,            
mentre guardiamo le valli tra esse.            
Verso Holmgard e oltre, alla ricerca di un legame.            
Le campane di una chiesa lontana risuonano            
e loro cantano e cercano il loro dio.            
C'erano norvegesi di rango alla corte del Principe.            
Ne sono convinto.            
Costantinopoli. Dieci cancelli sull'eternità.            
Verranno ammirate per secoli le vostre incomparabili mura.            
I vostri templi e le vostre sale.            
Verranno visti, narrati e conosciuti.            
Il sole sorge a nord e tramonta a sud.            
Il Corno Dorato fa onore al suo nome.            
Da torre a torre, una catena fa da ostacolo al suo ingresso,            
infrangibile, come si racconta.            
Verso Holmgard e oltre, alla ricerca di un legame.            
Altre avventure ci aspettano più avanti.            
Molti nodi saranno sciolti sulla mia corda.            
Costantinopoli, regina delle città!            
Il tuo sorriso di benvenuto vale le fatiche e le sofferenze passate.            
Un bagno nell'oro.            
Vette senza fine si allungano.            
Il sole tramonta per un po', ma risorgerà.            
Grandi sale. Le più grandi di tutte.             
Ecco Miklagard!            
            

 

Commenta il post