Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Turisas - Stand up and fight

Pubblicato su 17 Settembre 2015 da Federico Fasciano

THE MARCH OF THE VARAGIAN GUARD - LA MARCIA DELLA GUARDIA VARAGIA            
            
Il sole sorge su terre desolate.            
Per quanto gli occhi riescono a vedere lontano,            
la sabbia ricopre le vaste pianure di Serkland            
e gli avvoltoi mi scherniscono.            
Ma possono volteggiare finché cadranno morti,            
perché io non ho intenzione di avvicinarmi così alla fine.            
Voglio piuttosto seguire il mio sentiero             
e unirmi alla guardia varagia.            
Guardie di gloria e potenza,            
rosse come il sangue e nere come la notte.            
Sventolano i nostri vessilli mentre marciamo verso est,            
per il re dei Greci.            
Ci sono uomini della croce e del martello.            
Qualcuno della luna crescente.            
Alcuni semplicemente cercano qualcosa di affascinante.            
Altri nascondono il loro lignaggio reale.            
Infine gli stranieri, portatori d'ascia, che ci hanno chiamato prontamente.            
Tutti siamo venuti da lontano            
e la diversità è ciò che ci unisce.            
Noi siamo la guardia varagia.            
(Miklagard, nella seconda indizione, nell'anno 6542 del mondo)*.            
Verso Holmgard e oltre!            
Qui è dove i venti ci hanno condotto            
per trovare la gloria e per l'oro.            
Un tempo lontano siamo salpati per queste terre sconosciute.            
            
Note:    *(E' un sistema del computo del tempo diverso)        
            
TAKE THE DAY! - COGLIETE L'ATTIMO!            
            
Lunghe sono le ore per l'uomo che aspetta.            
La prima linea è la nostra. Attendiamo gli ordini.            
Alcuni siedono per terra disorientati, con lo sguardo vuoto.            
Io avanzerò col mio equipaggiamento,            
consapevole che tutto è a posto.            
E quando il corno suonerà,            
ognuno di noi sa che potrebbe essere la sua ultima chiamata.            
Formate la fila!            
Avete già avuto il vostro riposo.            
In piedi, a combattere!            
Quando la marcia si farà dura,            
manderanno i migliori come fulmini a colpirci!            
L'attesa è finita. Prendiamo la testa (dell'esercito).            
Avanti! Senza paura!            
Sgombrate la mente o finirete morti!            
Il sangue non lascerà spazio alla ruggine sulle nostre lame.            
Cogliete l'attimo!            
Le nostre truppe saranno decimate            
quando ci rincontreremo come previsto.            
"Scappate finché potete, idioti! Non avrete un'altra possibilità".            
Ma nel profondo dei loro occhi vedi speranza mischiata a rispetto.            
Sono qui, gli uomini da oltre il mare            
e la battaglia non è ancora finita.            
            
HUNTING PIRATES - CACCIARE I PIRATI            
            
A vele spiegate. L'oceano dipinto di rosso.            
I soldati di fortuna sono a caccia di pirati.            
Non vengono fatte domande.            
Arriveremo al nostro obiettivo.            
I colori volgono al grigio dopo il tramonto.            
Squarciare un uomo. Prendere quello che si può.            
Cosa è giusto? Che cosa è sbagliato?            
Chi può rispondere?            
Navigare per mare. Facciamo esattamente ciò che ci piace.            
Imperatori. Pirati. Sono tutti un cancro!            
Alzate le vele! Spazziamoli via adesso!            
Uccidiamoli tutti! Lasciamoli a morire!            
Sono feccia. Nemici del genere umano.            
Ripuliamo i mari! Non mostriamo pietà!            
Non abbiamo scelta. Siete voi quelli cattivi.            
Vi siete presi tutto e ancora osate criticare?            
Ma chi siete per giudicarci e condannarci?            
Sotto la pittura, la vostra bandiera è sempre nera.            
Possiamo farlo e quindi lo faremo.            
Cercate di capire che non c'è nulla che possiate fare!            
Il mondo è cambiato.            
Il vostro senso di giustizia è obsoleto.            
E' giusto ciò che è giusto per me.            
Condividiamo le ricchezze!            
I vostri averi dovrebbero essere nostri.            
E' tutto un sorriso nella nostra confraternita,            
luminosa come il sole            
e dov'è il crimine quando nessuno ci perde davvero?            
Non avete più denaro? Stampatevene altro!            
Imperatori. Pirati. Sono tutti un cancro!            
Siamo gente che improvvisa e che arraffa quel che c'è.            
            
VENETOI! PRASINOI! - VENETOI E PRASINOI*            
            
Signore e signori!            
Il principale evento di stasera: i Verdi e i Blu!            
Aprite i cancelli!            
La polvere impregna l'aria.            
Gli stalloni nitriscono sotto i frustini.            
I carri si scontrano lungo le curve,            
trascinati dalle briglie lungo il percorso.             
Oh, poveri uomini!            
Il boato degli zoccoli determina il loro destino.            
Venetoi! Prasinoi!            
I sostenitori li spronano.            
Venetoi! Prasinoi!            
La folla li incoraggia senza controllo.            
            
Note:    *(Gruppi dei giochi equestri dell'antica Bisanzio.        
    Si distinguevano per il colore degli auriga sulle bighe)        
            
STAND UP AND FIGHT - IN PIEDI E COMBATTI            
            
La pioggia battente mi appiccica i capelli al volto.            
Mi è rimasto soltanto uno sguardo vuoto.            
Le stelle che una volta mi guidavano si sono offuscate.            
Il cielo è diventato grigio.            
Il sentiero una volta così evidente ora è scomparso.            
Benedetti siano i giorni della vita            
quando c'è uno scopo e sono limpidi!            
Giorni senza indecisioni o dubbi, in cui conoscevo la via.            
Giorni di speranza,            
in cui non avevo mai camminato fuori dal sentiero.            
Ma la scintilla che c'era una volta sembra essersi spenta.            
In piedi e combatti!            
In piedi e guarda nella luce!            
Spazza via le nubi!            
In piedi e combatti!            
In piedi e osserva il cielo che torna a risplendere!            
Combatti per giorni migliori!            
Che sollievo sarebbe farla finita con tutto questo!            
Alzare bandiera bianca e arrendersi!            
Ma oggi correrò e morirò un altro giorno.            
Se rinuncio ora ogni sforzo sarà stato inutile.            
Alzati! Sei arrivato fin qui!            
Non sei un perdente!            
Un'altra volta! Un altro tentativo!            
            
THE GREAT ESCAPE - LA GRANDE FUGA            
            
La parola che vi riporto viene dall'estremo Nord.            
Le canzoni che canto vengono dalla corte di tuo nipote.            
Lo squillo dell'adunanza è per la morte di Harthacnut,            
proclamato re e onorato dai Danesi.            
E' finito il tuo esilio e la tua rivendicazione del trono è decisa.            
Svein è tuo alleato e gli Svedesi continuano a combattere.            
I Norvegesi mi aspettano.            
E' il momento di attraversare il mare,            
ma prima devo essere libero.            
Si potrebbe chiedere a Costantino?            
Hanno bisogno di me da un'altra parte,            
ma non c'è soluzione.            
Non posso rinunciare alle mie truppe.            
Tutto questo sembra ingiusto. Mi sentite?            
La mia risposta è no!            
Mio Basilio! Mio Imperatore!            
Ho servito con onore questo regno            
e ne ho tratto soltanto sabbia.            
Inoltre il sangue dei Saraceni è stato versato grazie alla mia spada.            
Mio Basilio! Mio Imperatore!            
Non mi hai lasciato altra scelta che scappare.            
Che radunare i miei uomini            
e farci strada dal Corno nella notte.            
"Questa è follia! Siamo intrappolati senza scampo!"            
Remate! Questo è il vostro valore,            
nella disperazione e nella gioia!            
"Le catene non si spezzano! Non ci sono uscite!"            
Dobbiamo andare oltre!            
Affrettiamoci! Dalla poppa alla prua!            
Spingete la nave, perché né imperatore,            
né catena può ostacolarci il cammino!            
Uomini ai remi! Verso il mare aperto!            
Altri regni ci aspettano.            
Ci sono altre terre da conquistare.            
I vostri figli fanno ritorno a casa.            
Un vichingo. L'ultimo dei vichinghi,            
con il forziere riempito d'oro.            
Grandi storie saranno raccontate.            
Il vostro re fa ritorno a casa.            
            
FEAR THE FEAR - TEMETE LA PAURA            
            
Con coraggio, come abbiamo visto in TV.            
Esplosioni e spade.            
Ragazze provocanti come bottino.            
Nei giochi che fate siete l'eroe del giorno,            
ma fuori nel mondo reale tenete la testa sotto la sabbia.            
Pensate di essere audaci. Pensate di essere impavidi,            
ma quando dovete mostrare iniziativa, sapete che è solo una facciata.            
Meglio lasciar perdere se scegliete di astenervi!            
La paura è la vostra vera tomba.            
Allontanate lo sguardo da tutte le cose che vi terrorizzano            
e questo vi terrà in vita almeno per un po'.            
Tutta la vostra empatia è come un tè floreale            
inviato dagli uomini che hanno tradito il vostro gruppo.            
Vi siete coperti occhi e orecchie,            
ma è così facile nascondersi anziché confrontarsi con le proprie paure.            
Prima o poi tutto finirà in lacrime            
ed è un pianto che nessuno ascolterà.            
Buongiorno al mondo!            
Questa sarà la vostra sveglia.            
Non è la vostra guerra, dite, mentre vi voltate dall'altra parte.            
Ci vogliono un migliaio di morti prima della vostra caduta.            
Mayday! Mayday!            
S.M.S.! Salvate la mia anima!            
Dimentichiamoci del resto!            
Buongiorno al mondo!            
Questa sarà la vostra sveglia.            
Poi ci sono quelli che non resistono affatto            
e che per qualsiasi cosa sono destinati alla rovina.            
Ci vogliono un migliaio di morti prima della vostra caduta.            
Potete risparmiarvi le vostre scuse che non stanno in piedi.            
Alcuni vivono solo per osare.            
Lanciate una moneta, zavorrati dalla paura di perdere,            
ma entrambi i lati sono testa e avete la coda tra le gambe.             
Proprio come me sapete bene ciò che dovreste fare e perché,            
ma farfugliate e sperate che tutto finisca.            
Morite! Morite coglioni!            
Lasciatemi andare! Lasciatemi stare, figli di puttana!            
I codardi devono morire!            
Il tempo aspetta soltanto che scriviate le vostre volontà            
e quel che avete lasciato indietro non c'è modo di recuperarlo.            
            
END OF AN EMPIRE - FINE DI UN IMPERO            
            
E' giunta l'ora.            
Il momento di essere coraggiosi mentre gli altri tremano.            
La paura delle stelle, della luna e dello Spirito Santo?            
E' ciò che striscia nel buio che ci spaventa di più.            
Siete dannati se lo fate.            
Siete dannati se non lo fate            
e ciò che ci porterà il domani è ignoto.            
Si può giustificarlo? Come fare ammenda?            
Sono solo.            
Come posso sapere se mi dispererò?            
Ogni storia ha bisogno di un protagonista e di un cattivo.            
Quale ruolo avrò è ancora da scoprire.            
La storia è ciò che è stato concordato            
e continuerà a giudicarci.            
Scudi e spade vinceranno le vostre guerre,            
ma alla fine le battaglie dei nostri cuori le combattono i bardi.            
Guardate indietro nel tempo,            
quando nessuno sentiva le campane suonare            
e vi chiederete            
come abbiano potuto permetterlo!            
Sono esattamente le stesse le domande            
che hanno tracciato il vostro cammino,            
quando oggi vi guardate indietro.            
E' giunta l'ora.            
Il momento di essere coraggiosi mentre gli altri tremano.            
Sappiamo che i muri crolleranno,            
ma anche che dalle rovine nascerà un nuovo giorno.            
Abbiamo schiavizzato il mondo, ucciso e bruciato,            
tutto in nome della nostra fede.            
Solo un idiota impedirebbe agli altri di accordarsi per qualcosa di meno.            
La marea sta cambiando.            
Il mare ci ha spinti lontano, come bambini che giocano.            
Ma cos'è questo?            
Venite a vedere quanti pesci!            
Più spendete, più avrete da concedere.            
Alla fine qualcuno ci salva sempre.            
Abbiamo schiavizzato il mondo, ucciso e bruciato,            
sempre sapendo cos'era il meglio.            
Potrebbero volerci uno o dieci anni.            
Intere generazioni di uomini.            
Abbiamo superato il punto di non ritorno.            
Cinquantatre giorni.            
Cinquantatre passi per ammettere la vostra sconfitta.            
Gli ultimi della fila. Gli ultimi romani.            
Evoluzione attraverso rivoluzione.            
Un fiume congelato, abbastanza da far scricchiolare un impero.            
Stalingrad. Waterloo. La Bastiglia. Poltava. Stamford Bridge. Manzicerta.            
Tutto ha una fine.            
I tempi futuri saranno difficili.            
Avanzate con circospezione,            
perché prima di capirlo dovremo piegarci!            
Godetevela finché dura!            
Presto verremo dimenticati nel passato             
e il nostro tempo qui finirà rapidamente.            
Aprite gli occhi!            
E' un ammonimento per voi.            
Ogni impero trova la morte            
e più sono grandi, più fanno rumore nel cadere.            
La palla di neve sta rotolando.            
Aprite gli occhi!            
E' un ammonimento per voi.            
Nuovi scenari stanno sorgendo.            
La nostra fede sarà così forte finchè il mondo resterà com'è.            
Finché verremo colpiti e come vetro infranto andremo in pezzi.            
Come è potuto accadere?            
Come potrà succedere?            
Come fa un impero a crollare?            
            
THE BOSPHORUS FREEZES OVER - IL BOSFORO SI CONGELA            
            
Così sono accadute le cose che temevamo di più.            
Il tempo ha pagato il conto con noi.            
Il filo è giunto alla sua fine.            
Mi sento tradito e amareggiato.            
E' successo davvero?            
Rifletto su me stesso, qui a terra nel porto del Pireo,            
con i fiocchi di neve che mi scendono addosso            
nella notte in cui il Bosforo è congelato.            
Osserviamo la sabbia che scorre,            
pieni d'ansia per il suo flusso immutabile.            
Ma ciò che davvero non riusciamo a vedere            
è che, ogni minuto, il vetro potrebbe rompersi.            
Capite? Non c'entra quello che potete portare con voi,            
ma quello che vi siete lasciati alle spalle.            
E là, sul versante del Leone, la storia trova la sua fine.            
            

 

Commenta il post