Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Tristania - Ashes

Pubblicato su 16 Settembre 2015 da Federico Fasciano

LIBRE - LIBERO

Vi si racchiude la notte.
Si avvolge la verità in una carta di caramella a righe colorate
e ci si getta via, fradici di sangue.
Martoriati e pieni di ferite.
Marci fino al midollo.
Sarà una festa!
Ora sono con te, amica mia!
La mia lingua a rasoio ti lecca
le guance rosee e le orecchie malconce.
Ti sussurro segreti osceni che non sono né veri, né falsi.
Ti tengo la mano con disprezzo
e amplifico la tua flebile voce contro il maligno.
Stringo la tua schiena e la scuoto violentemente.
La luce argentea è spodestata.
Riscegli con me!
Per questo abbiamo nominato il diavolo
(e io devo soddisfare me stesso).
Ogni buco di proiettile nella nostra città santa
è per me un orifizio da violentare.
Ogni donna schiava è una mia puttana
e ogni bambino prezioso che piange
una sfera indorata dal fuoco.
Ora sono con te, amica mia!
Mordicchierò i lobi delle tue orecchie,
finché sanguineranno la verità divina.
Diffondi il mio nome tra i loro volti pieni di paura!
Ti tengo la mano per vendetta.
La tua voce attutita è un orrido coro attraverso il mare.
Questa pira in fiamme non può essere spenta dalle loro lacrime.

EQUILIBRIUM - EQUILIBRIO

E' la danza più lenta.
Una danza di migliaia di anni.
Una danza di statue congelate
che si avvinghiano insieme tra le lacrime.
E' il peggiore dei combattimenti.
La battaglia di migliaia di anni.
Il pulsare del sangue attraverso le vene.
Le nostre vene.
E nei nostri occhi sono impressi cerchi di paura.
Mi arrampico su di te,
così fredda e così lucente.
Arrampicati su di me nella notte!
Volti immobili. Un parco di desolazione.
Nella pallida oscurità sono aggrappato a te.
Nella pallida oscurità mi sento sicuro e confortato.
Nuoto in te. Nei tuoi fiumi oscuri.
M'immergo nella tua mente
alla ricerca dei tuoi mostri e delle tue difese,
ma affondo nel fango.
E' una danza nelle sale della follia,
dove la follia è il tuo scopo più nobile.
La tua vanità.
Signora, mi hai reso quello che sono.
Signora, mi hai salvato.
Nelle tue gelide mani sono soltanto un tuo strumento.

THE WRETCHED - I MISERABILI

Benvenuto, amico mio!
Ora siamo io e te.
Avverti l'occhio che ti osserva?
Senti il suo urlo muto?
Questo è il nostro terrificante sogno.
Senti il suo pianto svuotato che viene dall'aldilà?
Non puoi vederlo. Non puoi raggiungerlo,
ma senti che ti sta guardando.
Ora sta cantando la sua ninnananna.
Il sole tramonta.
Questo è un viaggio che non ha fine.
La luce è nera.
Le anime perdute sono affamate
e si arrampicano sull'ultima scintilla di speranza.
Sono irrequiete e non ti lasceranno solo,
ma non potrai vederle libere.
Il sangue scorre. La tua paura cresce.
Dietro i tuoi occhi velati si legge l'attesa della disgrazia.
Guarda attraverso la tua mente fosca,
ma non potrai vederle libere!
Una canzone di demoni si libra nel vento.
Senti il richiamo dei miserabili?
Il trascinare dei loro piedi?
Il tuo cuore che batte?
Ora sai che stai per crollare
e canti parole che non afferri.
Le loro grida d'aiuto che non hai mai percepito.
Una massa palpitante di disperazione.
Questo è l'incubo notturno.
Chiamano il tuo nome che è "silenzio".
Fanno il loro gioco che è "violenza".
Sono i dissennati.

CURE - CURA

Nella tela che hai filato è avvolta la tua preda.
E' morta. E' spirata nel silenzio.
Resterò sempre con te.
M'inchinerò ai tuoi piedi
e alla tua volontà in un silenzio di tomba.
Quando mi muovo, sono mosso da te.
Quando decidi, tutto è deciso da te.
Nel tuo mondo ci sei solo tu.
Nel mio mondo ci sei solo tu.
Le tue parole mi fanno rabbrividire la spina dorsale.
Sono stordito e amorfo nella tua tela.
Il mio sangue scorre lentamente, rosso come il vino.
Il passato è in pezzi per sempre.
Dipendo dalla tua volontà.
Per questo sono stato bruciato, percosso e disciplinato.
Per questo sono stato eletto a tuo amante.

CIRCUS - CIRCO

Sono stato legato e imbavagliato.
Incappucciato e marchiato.
Loro sono qui per comandare.
Sono un cadavere. Una preda in decomposizione.
Ho un corvo su ogni sopracciglio,
che mi becca gli occhi sulla mia maschera di morte.
La tenebra è completa.
Chi è l'incappucciato, madre mia?
Chi è quello marchiato quando tutti stanno in silenzio?
Chi verrà morso se ci muoviamo?
Sono in fiamme! La mia maschera brucia.
La notte è profonda.
Scura e putrida carne si agita su una sedia in un angolo di morte.
Sono la vostra sacca di terrore.
Lo farò. Confesserò.
Sarò la spada. Fatemi entrare!
Starò immobile e quieto.
Il fiume mi scorre dentro, tranquillo e profondo.
Sono la bestia e la preda in putrefazione nella tribù dei Ciclopi.
Appendetemi a un albero di ciliegie!
Forza, venite! Impiccatevi con me!
Sono già legato a quattro zampe.
Imbrigliato nei fili come una marionetta.
Danzo sull'incarnazione della paura.
E' un brivido ad ogni lacrima di spavento.
Nel clamore i virtuosi alla fine non capiranno più nulla
e lanceranno pietre nello specchio contro se stessi.
Madre mia, pugnalati!
Riversa un fiume scuro e abbondante!
Il mio mi scorre dentro, tranquillo e profondo.
Non scuotermi in questo modo o strariperà.

SHADOWMAN - L'UOMO OMBRA

Notte. Insonnia.
Incubi, non sogni.
Mi trascinano nella terra.
Non c'è posto in cui scappare o nascondersi.
E' nel mio sangue.
Cerco di espellerlo, ma governa la mia sofferenza.
Controlla i miei osceni pensieri
e le mie parole putrescenti.
Distorce i miei nervi.
I suoi artigli.
Il suo velenoso sorriso che rigira il coltello nella piaga.
I suoi lunghi denti affilati nel silenzio immobile.
Il suo cupo mormorio.
Stringe una lama.
E' nelle mie vene.
Scarica su di me il senso di colpa.
Cerco di espellerlo, ma governa la mia sofferenza.
Controlla i miei osceni pensieri
e le mie parole putrescenti.
Distorce i miei nervi.
Non ho mai visto il suo volto,
ma ho avvertito il suo respiro così tante volte.
Sono fradicio di sudore.
Sonniferi e sigarette.
Ma quando il giorno scaccerà la notte…

ENDOGENESIS - ENDOGENESI

C'è soltanto una via di fuga.
Una sola parola rimasta da gridare.
L'ultimo breve pendio su cui arrampicarsi.
Poi scivolerò ancora
e la tua voce minacciosa mi riporterà coi piedi per terra.
Troverò la verità sulla tua pelle,
anche se continui a nutrirmi con distrazioni e bugie,
ma so che la verità è lì.
In frammenti, cocci e pezzetti.
Sei alto e snello, ma i tuoi occhi sono opachi.
La tua maschera potrebbe luccicare.
La tua superficie diventare liscia come seta.
Ti sei convinto delle tue stesse illusioni,
ma i tuoi occhi stanchi rivelano il peccatore.
Scappo, perché tu costantemente mi darai la caccia,
finché i miei piedi si fermeranno e io annasperò.
Non riposi mai.
Ho bisogno d'aria
e tu mi spingi con la testa sotto il fango.
Sei il mio più affezionato carceriere.
Sono in manette e chiusa nella mia gabbia.
Il mio più affezionato carceriere
che ha pervertito la mia fragile bellezza.

BIRD - UCCELLO

Un'affettuosa spinta giù dalla scogliera è tutto ciò che mi serve.
Un improvviso cambiamento o un sorriso
potrebbero farmi sentire ancora viva.
Vorrei qualsiasi cosa capace di spazzare via l'ignoranza.
C'è un buco nel mio petto,
dove un tempo stava il cuore
e se cerchi il vuoto, sono ciò di cui hai bisogno.
Fredda, oscura e anche peggio,
a volte la vita è una maledizione.
Il mio viso cinereo.
La mia pelle bianca come neve.
Nel mio perfetto isolamento il tempo scorre.
I miei anni di reclusione finiranno nel silenzio,
senza lacrime.
L'illusione è perduta.
Tutti i colori sbiadiscono.
Il dolore è ovattato.
E' una trasparente imperfezione che cade come un passero per terra
e non lascia alcuna traccia di vita.
Sento la musica quando la mia nave veleggia
attraverso una finestra dalla strada divina.
Addio!
Non lascia segni sulla pelle il mio sonno senza sogni
e le pareti del convento bruciano.
Addio!
Sogno e tradimento, mano nella mano,
decadono in una meravigliosa terra di droghe.
Sono incapace di muovermi e parlare.
Sono incapace di preoccuparmene in qualsiasi modo.
Qualcuno bussa alla porta.
Qualcuno che credo di aver già visto.
Tremo inquieta. Sono agitata
e vorrei essere un uccello.

THE GATE - IL CANCELLO

Un esercito ambizioso è in marcia e fa tremare il suolo.
Diecimila cuori affamati, con stivali di ferro,
che bruciano e violentano.
Prosciugano la terra.
Colpiscono e distruggono
ogni cancello sulla loro strada.
E' una possente forza distruttiva senza alcun controllo.
Nessuno dormirà stanotte.
Il silenzio è decadente e sinistro.
Il mondo è ridotto a polvere e rovina.
Non verserò lacrime per il vostro dolore.
Non verserò lacrime per il passato.
Rilasciate tutte le bestie dalle gabbie
e armatele con bastoni e pietre!
Portatele nelle terre del disastro
e guardate l'ultimo cancello del genere umano cadere!
Le mani tremano nel fuoco impetuoso.
Marciamo nella notte
e ogni pietra verrà capovolta prima del sorgere del nuovo giorno.
Siamo le schiere dell'inferno.
Vi inginocchierete!
Vi inchinerete!
Danzeremo sulle vostre tombe nella foschia rossa di sangue
e ne usciremo vittoriosi.

 

Commenta il post