Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Amorphis - The beginning of times

Pubblicato su 31 Luglio 2015 da Federico Fasciano

BATTLE FOR LIGHT - BATTAGLIA PER LA LUCE            
            
Lei ha sottratto la luna dal cielo            
e ha deviato il sole dalla sua orbita.            
Nella sua montagna, ha incatenato la luce            
e ha rubato la saggezza per sé.            
Il sole non splende più per noi.            
La luna argentea non riflette più.            
Le stelle non danno più luce            
per aiutarci a trovare la via.            
Vengo gettato in spoglie terre desolate.            
Sono perso in torbide paludi.            
Sono abbandonato da solo in terre ricoperte di brina            
e affondo in pantani malsani e neri.            
Combatto contro le forze del buio e del freddo            
e sulle streghe lancio la mia stregoneria.            
Colpisco con la spada, impugno la mia piuma            
e canto la mia canzone nella notte.            
Oltre i cieli più alti,            
il dio supremo distrugge con la spada.            
Nel mare precipita una stella fiammeggiante            
e un luccio delle profondità ne inghiotte il bagliore.            
Creatore del Cielo, vieni in mio aiuto!            
Magico fabbro, resta al mio fianco!            
Figlia della creazione,             
un picccolo uomo viene dal mare.            
Ilmatar l'antico,            
potente nano dell'oceano            
e il creatore del Cielo sono al mio fianco,            
tra tuoni e fulmini.            
Troveremo la luna nascosta.            
Libereremo i prigionieri dalla montagna.            
Daremo luce alla sapienza del cuore            
e il sole splenderà di nuovo.            
            
MERMAID - SIRENA            
            
Sull'azzurro mare delle sirene             
salpo verso il largo,            
accompagnato da uno sguardo di incredibile meraviglia            
sulla distesa blu.            
Estraggo il mio coltello per tagliare la pancia            
al pesce che tirerò fuori dall'acqua.            
Ma esso se ne è andato. E' tornato ai laghi            
ed è sparito nel blu.            
Le acque si dividono,            
quando Lei sorge luminosa.            
E' la mia fanciulla, colei che sarà mia moglie            
e che questa volta ritorna da me.            
Non sapevo chi fosse e l'ho fatta scappare.            
Sotto le onde, gli scogli marmorei            
e pareti d'acqua di impensabile profondità,            
è affondata la mia speranza.            
Il mio sogno è stato trascinato giù.            
"Provo pena per te", mi disse            
quando varcò la superficie dell'acqua.            
"Non mi riconosci?            
Non potrò essere tua dopotutto".            
E non la conobbi mai.            
            
MY ENEMY - IL MIO NEMICO            
            
Si apprestava a prendere la mia vita            
e l'energia della mia anima.            
I suoi sortilegi contro la mia forza            
avrebbero acceso la mia ira.            
Ma il tuo cervello sarà sostituito dal mio.            
La tua mente muterà nella mia.            
Perderai coscienza di te            
e il tuo mondo non ti apparterrà più.            
La luce dei miei occhi ti abbatterà.            
Le mie dita, come serpi, ti trascineranno nel fango.            
La terra tremante si scioglierà.            
Le tue gambe si liquefaranno per la mia collera.            
Sento le tue sensazioni ora.            
So quello che pensi.            
Capisco che hai mentito            
e ti spingerò nella fossa.            
Ti costringerò sottoterra.            
Ti maledirò per precipitarti negli inferi.            
Ti spedirò tra le braccia della morte,            
dannato in una roccia.            
Il pentimento sarà inutile.            
La pietà non ti verrà concessa.            
La corruzione è vana laggiù.            
Nessuna promessa verrà mantenuta.            
Nessuno sentirà il tuo dolore.            
Nessuno potrà ascoltarti.            
Nessuno ti prenderà per mano            
e nessuno ti aiuterà.            
Ma io gli concederò misericordia            
e lo riporterò alla vita.            
Io gli concederò misericordia            
e lo farò tornare indietro.            
            
YOU I NEED - E' DI TE CHE HO BISOGNO            
            
Sono nato quando il mondo è nato.            
Con le melodie, le parole e le storie delle antiche canzoni.            
Non ho bisogno d'arco, né di spada.            
La mia regalità è nota agli déi.            
Che la loro canzone continui!            
Ho bisogno che tu sia la mia guida.            
Lo specchio del cielo e del mare.            
Il ritratto di ciò che sta sopra e sotto.            
Il portone della vita e della morte.            
Il mare della mia solitudine             
ha bisogno di un cielo            
e per procedere con la mia storia,            
ho bisogno delle tue parole.            
Come un re ha la sua luna,            
una regina ha il suo sole            
per far proseguire la canzone.            
Che la canzone vada avanti!            
Creatore degli déi,            
che la canzone vada avanti!            
Sii la mia guida nella vita e nella morte!            
            
SONG OF THE SAGE - LA CANZONE DEL SAGGIO            
            
Né uomo, né dio mai tormentò con la spada.            
Congiurò con la penna,            
strumento ricavato dall'osso di un pesce.            
Un kantele* ricavato dalle zanne di un luccio.            
Si era seduto su uno scoglio dorato, sulle sponde di un fiume dorato,            
sul ciglio di una cascata dorata e sotto il sole dorato.            
Gli uccelli volano verso l'aedo.            
La selvaggina accorre dal mare.            
Le dita toccano le corde più lucenti,            
tributo dalle fauci del luccio.            
I colori dell'arcobaleno s'irradiano             
sopra le acque silenziose.            
Vengono avanti le creature della foresta, spiriti grandi e piccoli            
e la signora e il signore di Tapiola, gente boschiva.            
Dietro una nuvola la luna tesse fili d'argento.            
Sulla sommità della nube rossastra, la luce diurna le indora il manto.            
I piccoli pesci stanno in superficie. Quelli più grossi al di sotto.            
Il re delle acque sta sull'onda con la regina del mare aperto.            
Dagli acquitrini lontani giungono i cigni            
e un'aquila scende dalla sommità dei cieli.            
Tutti comprendono e capiscono.            
Tutti versano una lacrima commossi e piangono.            
Ogni lacrima, le lacrime di tutti,            
scorrono insieme nelle acque silenziose.            
La corrente dorata della vita le trasporta verso il mare.            
Verso le profondità dell'oceano dove, come perle, verranno custodite.  

Note:   *(Strumento musicale nordico)       
            
THREE WORDS - TRE PAROLE            
            
Dai quattro angoli (della Terra)            
e dalle altezze del cielo mutevole,            
in mezzo alle stelle dorate            
e fino alle terre dei morti al di sotto,            
cerco la magia per il mio incantesimo.            
Il potere del mio sortilegio.            
Sono alla ricerca di tre parole.            
Sono alla ricerca di tre parole per la mia canzone.            
Con tre parole per la mia canzone magica             
costruirò una nave d'amore.            
Con tre parole per la mia canzone magica             
costruirò una nave della vita.            
Lungo il sentiero per Tuoni,            
verso cupe sponde            
e attraverso le terre dei morti,            
viaggio per trovare l'ispirazione perduta.            
La fanciulla del lutto mostra la via            
per la lugubre dimora della morte.            
Là dove la moglie della morte mi             
ha offerto una bevanda funesta.            
Tre parole per la magia.            
Tre parole di morte.            
            
REFORMATION - RIFORMA            
            
Quando mi sento a pezzi, come fossi morto            
e i miei occhi si staccano dai tuoi.            
Quando non ti riconosco più, amore mio.            
Quando mi sento a pezzi, come fossi morto,            
la paura non fa per me. Il pianto non fa per me.            
Perché alla fine sarò liberato.            
La paura non fa per me. Il pianto non fa per me.            
Verso i cieli della Terra            
verrò liberato.            
Quando dalla testa mi vengono strappati i capelli            
e quando volano nella brezza assolata.            
Quando nei miei occhi vengono spinte le unghie            
e stivali pesanti camminato sulla mia tomba.            
Non hai paura?            
            
SOOTHSAYER - L'INDOVINO            
            
Sono nato e cresciuto insieme a tutti gli altri.            
Ho condiviso l'antica saggezza            
e imparato i loro modi di essere.            
Ho cantato dell'incanto delle stelle            
e seminato la terra con forza.            
Ho eretto rifugi per gli uomini            
e li ho guidati sui giusti sentieri.            
Nella mia esistenza cantano gli déi dei cieli.            
Il brillare delle stelle scorre nel mio sangue.            
Sono l'abisso e sono il ponte.            
Sono il cielo e la terra.            
Mi sento in comunione            
con la grandezza e con l'infimo.            
Con la via che dalla morte conduce alla vita.            
Coi sentieri di pietra e oro.            
Vivo sulle ali dell'aquila            
e conosco i segreti del mare.            
Le mie forme sono innumerevoli            
come le parole, come i nomi e le stelle.            
Sono qui sin dal principio.            
Comprendo echi e melodie.            
Eterne poesie di non-esistenza.            
Le prime parole dell'inizio dei tempi.            
            
ON A STRANDED SHORE - SU UNA COSTA ABBANDONATA            
            
La seta del tessuto blu della luna.            
L'aura rossa del sole,            
un sole dorato.            
Ha argento ai polsi e alle dita.            
Rossi capelli intecciati            
e scarpe come piume luminose.            
Come un canneto sulla riva.            
Come corteccia e fogliame.            
Come conghiglie e sabbia            
è la carne della mia dama.            
Come un pesce nelle profondità del lago,            
il suo sangue è acqua azzurra.            
Oh dio del sonno!            
Dimmi, nei miei sogni,            
dove è andata la mia dama.            
Dove è andata a riposare?            
Innalzala sulle onde.            
Dalla sua tomba d'acqua            
e dagli anfratti tra le rocce screziate,            
falla rinascere!            
Queste rive sono per i ricordi.            
Queste acque non vanno disturbate.            
Sono troppo profonde per l'assetato.            
Non c'è sole su queste coste.            
Nessun riflesso della luna sulle acque.            
I capelli della mia dama sono            
come alghe sulla superficie.            
Come salici sulle sponde.            
            
ESCAPE - FUGA            
            
Laggiù si trovano reti di metallo            
e trappole intessute col rame.            
Offrono bevande che inducono al sonno            
e a eterne catene.            
Ma io ho cambiato la mia forma mortale            
e ho preso quella di un serpente.            
Ho nuotato attraverso le reti dell'inganno            
e sono tornato alla vita.            
La morte non dà alcuna sapienza.            
Non c'è potere per chi ne è rivestito.            
Dicevano che non ci fosse ritorno,            
ma io mi sono aperto la via fino a casa.            
Ritorno alla vita.            
Ero là in mezzo alle ombre            
che sussurravano e urlavano,            
ma sono stato trasformato dalla spinta            
della mia voglia di vivere.            
            
CRACK IN A STONE - UNA FENDITURA NELLA PIETRA            
            
Al nord, prigioniero delle tenebre            
in una reggia nera e vittima del sonno,            
ho cercato di strisciare come un serpente.            
Come una talpa sotto il terreno.            
(Io), un re, uno sciocco intrappolato in terra straniera,            
ero schiavo della regina nera,            
sotto il più oscuro dei sortilegi            
e incatenato da un incantesimo arcano.            
Avevo bisogno solo di una fenditura nella roccia.            
Solo di una frattura del muro.            
Solo di una crepa nel cielo.            
Di un'unica serratura con la chiave giusta.            
Come una lontra perduta in acque fangose            
o un alce su sentieri sconosciuti,            
ero prigioniero in una reggia nera            
e vittima del sonno in una terra buia.            
Solo una via da trovare.            
Un segno in un sogno.            
Una sola direzione nel tempo.            
Una stella nella mia mente.            
Un sentiero.            
Un segno.            
Una stella.            
Una serratura.            
Una chiave.            
Una fenditura nella pietra.            
            
BEGINNING OF TIME - L'INIZIO DEI TEMPI            
            
Vorrei cantare            
del tempo precedente l'inizio,            
dove il nulla era tutto.            
Ma come posso cantare del nulla?            
Così canterò dell'inizio.            
Della nascita di ogni creazione            
e dei confini del vuoto.            
Della sostanza del principio.            
La solitudine dello spazio era la mia incurante madre.            
Mio padre era il sale del mare.            
Non ero ancora nato            
e gli stretti cancelli non erano aperti.            
Non ero ancora nato nel mio nascondiglio.            
Non ero ancora stato liberato dal mio creatore.            
Ero circondato dall'oscurità            
e sapevo che il tempo era in attesa.            
Sentivo il passaggio dei giorni e delle notti            
e delle stelle del nord.            
Il vuoto e l'infinito non sembravano terminare mai.            
Il tempo non cominciava.            
Le canzoni nascevano nella mia mente            
e così la conoscenza delle stelle.            
Le storie del prima e del dopo            
e gli incantesimi di guerra e di pace.            
La nascita del mondo è stata anche la mia nascita.            
Ho trovato la terra e l'inizio del tempo.            
L'assenza di confini del mare            
e delle profondità dello spazio.            
            
HEART'S SONG - LA CANZONE DEL CUORE            
            
Sono lo spirito delle nuvole            
e il canto dei ruscelli in primavera.            
La quiete del grande fiume            
e l'arcobaleno sulle cascate.            
L'oscurità delle acque            
e lo spirito dell'uomo            
in un guerriero biondo.            
Non sono un dio,            
ma nemmeno un uomo.            
Sono la mia gente e le canzoni della mia tribù.            
La sapienza e l'abilità.            
La spada trasformata in un poema.            
Sono la saggezza della quercia.            
La potenza            
e le rocce delle coste.            
L'occhio del falco dorato            
e l'abbraccio dell'orso fulvo.            
La canzone nel cuore,            
nel cuore dell'uomo.            

 

Commenta il post