Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Testi Metal Tradotti

Testi tradotti in italiano dei nostri gruppi metal preferiti. In continuo aggiornamento...

Sonata arctica - Silence

Pubblicato su 7 Giugno 2015 da Federico Fasciano

OF SILENCE - SUL SILENZIO            
            
Davvero produce la musica più bella!            
Ha tutto da offrire.             
E' ovunque e si nasconde all'ascoltatore.            
Senza di esso non potrei vivere.            
Il silenzio.            
            
WEBALLERGY - ALLERGIA ALLA RETE            
            
Abbiamo un'unica candela da consumare fino in fondo.            
Non importa ciò che dicono.            
Se vivi da uomo, vivi nelle storie che racconti.            
Vuoi seguire la moda e comportarti da idiota?            
Non ti serve il cervello! Ma è il tuo migliore strumento.            
Non ti muovere e come dicono, vivi da uomo!            
Nell'unico modo possibile.            
Se lasci che la linea telefonica ti porti a casa             
la vita, le bugie e i sogni            
non potrai più accorgerti di quello che c'è sotto.            
Dell'evidenza e della nuda verità.            
Scrivi il tuo nome su una riga!            
Prendi la tua dose di futuro!            
Vivi in un sogno di un centimetro quadrato, con il tuo computer.            
E' il tuo supremo traguardo.            
Adesso pensi di poter avere tutto?            
La sapienza? Il potere? Il know-how?            
Non credi mai di poter sbagliare?            
Il cervello umano è fatto in questo modo.            
Se vivi, morirai,            
ma non vivrai per sempre imprigionato nel tempo.            
E' come l'alternarsi della marea. Un po' sale e un po' si ritrae.            
Devi essere sincero per capirlo.            
            
FALSE NEWS TRAVEL FAST - LE NOTIZIE FALSE VIAGGIANO VELOCI            
            
Guardo fuori dalla finestra e vedo il sole nel cielo.            
Per ora non fa per me.            
Storie dei vecchi tempi andati.            
Il Libro Nero delle falsità senza capo né coda.            
Nessun segreto. Nessuna maschera.            
Il colore della gelosia si imprime su di te.            
Perché non puoi credermi? Eppure mi conosci!            
Libri di verità. Specchi della tragedia.            
Piene di rimorsi e sfumate,            
come sempre queste notizie viaggiano veloci.            
Cammino nei campi innevati.            
Come potevo fidarmi del sentiero che ho abbandonato            
e che scompare alle mie spalle?            
Supplicare non significa ammettere la colpa.            
E' nella natura dell'essere umano.            
E' insito in ogni ragazzino.            
La vita può agire in molti modi.            
Ti può persino gettare polvere in faccia,            
ma io sono tuo e per te farei qualsiasi cosa.            
Sono alla stazione a guardare il tuo treno che lentamente si allontana.            
Sono soltanto la carcassa di un uomo            
e pensavo che tu mi conoscessi.            
Continua pure! Dammi la colpa!            
Quello in cui credi è falso!            
Io non c'entro niente con la vita di cui hai letto.            
Libri di verità. Specchi della tragedia.            
La mia vita non è un gioco            
ed è davvero una vergogna che le notizie false viaggino veloci.            
Perché mi confini in questa sofferenza?            
Libro delle verità.            
Come puoi odiarmi e abbandonarmi a questa agonia?            
Specchio della tragedia.            
Non ho mentito! Non ti ho ingannata!            
Libro delle verità.            
Che cosa pensi? Che cosa vedi quando guardi negli specchi della tragedia?            
            
THE END OF THIS CHAPTER - LA FINE DI QUESTO CAPITOLO            
            
(Suona il telefono)            
"Pronto?"            
"Bene, bene... Come stai?"            
"Ma, chi è?"            
"Chi pensi che sia?"            
"Basta! Chi è?"            
"Sai bene chi è. Sei quasi scappata da me, non è vero?"            
"Oh mio Dio! Non puoi essere tu!"            
(Risata)            
"Sì, sì, amore mio! Sono io!"            
(CAPITOLO I)            
Ti ho donato il mio tempo.            
Ti ho donato tutta la mia vita.            
Ti ho donato il mio amore. Ogni briciola.            
E loro mi dicevano che era una cosa folle.            
Ti ricordi?            
O è stato tutto inutile?            
(CAPITOLO II)            
Osservavo la luce.            
Mi sono seduto nella tua miniera di carbone.            
Le promesse che avevano fatto avrei dovuto ricordarle?            
Erano sicuri che non ci saremmo mai rincontrati.            
Non riesco nemmeno a rammentare            
le promesse che avevo fatto io in totale sincerità.            
Dimmi che i tempi passati non moriranno!            
Dimmi che le vecchie bugie ancora vivono!            
(CAPITOLO III)            
Attraverso cieli oscuri ho viaggiato senza una luce.            
Sono affondato nel pozzo della mia mente,            
troppo in profondità per poter essere recuperato.            
Non riesco a ricordare.            
Come puoi essere così inutile?            
Dimmi che i tempi passati non moriranno!            
Dimmi che le vecchie bugie ancora vivono!            
L'amore finito troppo tempo fa mi uccide.            
Mi fa venire i brividi.            
(CAPITOLO IV)            
Tu hai un nuovo amore            
e sembra che sia adatto a te.            
Non ho mai desiderato che fossi morta. Non ancora.            
Ora potrai avere tutte le cose che non sono riuscito a darti.            
Guarda fuori dalla finestra! Sono io!            
(CAPITOLO V)            
Mi dispiace, ma sono qui.            
Non sono certo che la cosa ti spaventi.            
Sussurro nel tuo orecchio: "Perché lui è qui?"            
(CAPITOLO VI)            
Mentre dormi rubo un tuo orecchino.            
Accendi una candela in nome della rabbia che trattengo!            
Dicevano che non sarei mai riuscito a trovarti,            
ma ora sono qui accanto a te.            
Non sono più tanto stabile mentalmente.            
Dovresti sapere che sei mia!            
Ti ho detto che i tempi passati non moriranno.            
Ti ho detto che le vecchie bugie ancora vivono.            
L'amore che doveva finire troppo tempo fa mi sta uccidendo,            
ma ucciderà anche te.            
L'odio con cui ho complottato per troppo tempo mi devasta.            
Ti prego! Uccidimi prima tu!            
            
BLACK SHEEP - LA PECORA NERA            
            
I ragazzini di paese erano innamorati di una fanciulla,             
fiore invernale di un boschetto dell'entroterra.            
Quante volte i cuori sono stati stritolati dalla macina?            
Ovunque tu possa guardare c'è un doloroso ricordo.            
Cantavano una canzone d'amore. Parole sconosciute.            
Il terribile mugnaio non avrebbe mai dovuto incontrarla.            
Tempio del male. Tempio dei deboli.            
Nessuno era in grado di dire quanto lui soffrisse.            
Allusioni in tarda notte.             
La tentazione di un accordo.            
"Vivi con la pecora nera! Vivi con me!"            
La follia è una benedizione per quelli nati nell'odio.            
Si scottò sulle ceneri dell'amore. Ma quanta crudeltà!            
Ulula la notte al sole di mezzanotte.            
Al servizio della gente, sei stato condannato al buio eterno.            
            
LAND OF THE FREE - LA TERRA DEI LIBERI            
            
Dalle ombre delle stelle emerse un uomo senza volto.            
Un'anima segnata da milioni di ferite.            
Un Conte del male. La fine dei nostri giorni.            
Conosceva i nostri usi            
e si garantì ogni vantaggio quando non guardavamo.            
Ci costrinse a vivere una realtà alterata.            
Per restare aggrappati all'unico fondo di verità            
dobbiamo mostrare a tutti la strage che lo rappresenta.            
Spaccare il capello in due non è la soluzione.            
Acqua sul fuoco!            
Un bagliore di luce e spariremo per sempre.            
Non rimarrà nessuno a chiedersi cosa abbiamo fatto.            
Una nuova generazione di gente inconsapevole.            
Una nuova era avrà inizio.            
Almeno finché non ci impegneremo sul serio.            
Quando ti sveglierai capirai che era un sogno            
e tutti gli stucchevoli paradossi saranno sparsi per il mondo.            
Nel frattempo il Conte se ne sarà andato dalla terra dei liberi.            
            
LAST DROP FALLS - L'ULTIMA GOCCIA TRABOCCA            
            
Quando ti guardo negli occhi tutto sembra svanire.            
Dopo tutti questi anni è arrivato il momento di farlo.            
Ormai ti conosco bene            
e mi sono fidato ciecamente del tuo amore, fin troppe volte.            
Mi hai detto: "Ehi, amore mio!            
Mi dispiace, ma non possiamo andare avanti,            
perché mi sono innamorata di un altro".            
Spiegami! Cosa cerchi di dirmi quando mi tratti in questo modo?            
Oh, io ti amo, forse e voglio comunque che tutto finisca.            
Oh, quanto vorrei averti qui ogni giorno!            
Sono convinto che non finirà.            
Sei così autosufficiente. Sempre pronta a fare qualcosa.            
Sei una bugiarda. Una lurida disonesta.            
Eppure ti amo comunque.            
Il tuo calore. La tua tenerezza.            
Sei un'anima diabolica. Davvero meschina.            
Posso ancora sentirti dire: "Mi dispiace!            
Possiamo anche andare avanti insieme,            
perché non sono più innamorata di qualcun altro".            
Spiegami! Cosa cerchi di dirmi quando mi tratti in questo modo?            
Ho scoperto la puttana che c'è in te.            
Perché non riesco a dirti di no?            
Il tempo lo dirà per me. L'ultima parola sarà la mia.            
Non riesci a capire il problema che c'è tra noi?            
E' come se fossimo in una stanza piena di pareti.            
Il vaso dell'amore non trabocca, fino all'ultima goccia.            
Nel momento in cui mi farò da parte,             
sarai pronta a qualcosa di nuovo.            
Camminando nuda nella fredda aria della notte             
emani una luce rossa che ti brucia nell'anima.            
Ne ho viste le fiamme.            
In tutti i miei sogni dico: "Non ti amo più".            
Ma ogni giorno sostengo il contrario.            
Quante volte hai mandato in confusione la mia mente,            
costringendomi ad amarti?            
            
SAN SEBASTIAN - SAN SEBASTIANO            
            
Posso vedere la mia vita come fosse un breve film            
che mi scorre davanti agli occhi.            
Ho provato a non pensare a lei. Come sempre ci ho provato.            
La dolcezza nei suoi occhi è distante un milione di miglia.            
Come posso voltarle le spalle            
se è la cosa più dolce che esista?            
Ero pieno di passione. Sognavo a occhi aperti.            
Aspettavo il momento di tornare alla vita.            
Era il giorno di San Sebastiano. Avevo diciottanni.            
Lei era ciò che avevo sempre sognato,            
ma ora il cielo su di me è diventato grigio.            
E' stato un bene che l'abbia conosciuta a fondo,            
perché mi ha fatto capire            
che il sole di San Sebastiano è troppo caldo per me.            
Questo è quello che ho fatto nel giorno di San Sebastiano:            
ho gettato via i miei sogni d'infanzia a furia di fissare il sole.             
Torno al tempo dei miei sogni.            
E' la ricerca di una via per ricominciare a vivere.            
La febbre alta. Urla nella notte.            
Aspettavo sempre il momento di tornare alla vita.            
Ogni singolo giorno, per tutto il tempo della mia esistenza,            
vivrò senza il mio amore.            
Mio Dio! Sarò costretto a restare nell'ombra.            
E quando sarò vecchio e ingrigito,            
ricorderò il primo giorno che l'ho vista.            
La ragazza perfetta che mi ha respinto.            
Ora vivo nell'ombra. Sono sposato con la luna            
e il sole di San Sebastiano sta scaldando qualcun altro.            
            
SING IN SILENCE - CANTO IN SILENZIO            
            
Tu eri la cocca di papà. Carina e dolce.            
Mai un problema. Un tesoro di mamma.            
Una piccola bambina che non poteva accorgersi             
che la pressione dei suoi cosidetti "amici"            
si era fatta troppo forte.            
La scimmia lentamente salì sulla sua spalla            
per offrirle un aiuto contro il dolore.            
Per offrirle amore e attenzioni che nessuno le offriva.            
Nessuno.            
Fragile come una rosa nella neve,            
aveva esaurito tutta la vostra energia e il vostro denaro.            
Camminava nelle ombre, giorno e notte,            
incapace di far penetrare la luce del sole nei propri occhi.            
Non era più possibile scacciare la scimmia dalla sua spalla.            
Vidi un luccichio nei suoi occhi,            
ma era soltanto l'ultima luce di speranza che moriva.            
Una speranza che moriva.            
"Padre, perdona il mio peccato quotidiano!"            
Come potrei perdonarti? Non ti lascerò mai.            
Sai bene che come vivi, così morirai.            
Un cielo di emozioni. Un oceano di lamenti.            
L'erede del tramonto canta nel silenzio.            
"Ho bisogno ora del mio peccato quotidiano".            
Per tutta la tua vita ho pregato che venisse il momento            
di poterti mostrare dove si trova la luce.            
Adesso questa è la fine.            
Una rosa in ricordo dell'innocenza.            
"Lo so Padre che non posso farcela".            
Non si potrà mai perdonarti, né mai abbandonarti.            
Sai bene che come vivi, così morirai.            
Come posso cancellare il tuo dolore e darti aiuto,            
se la morte vuole baciarti e tu vuoi corrisponderla?            
            
TALLULAH - TALLULAH            
            
Ti ricordi quando ci fermavamo a guardare il tramonto?            
E quando dicevi: "Tutto questo non finirà mai"?            
Credevo a ogni singola parola            
e suppongo che lo facessi anche tu.            
Ma poi dicesti: "Ehi! Penso che sia tutto finito".            
Prendesti la mia mano e mi attirasti verso di te. Vicino a te.            
Ebbi un presentimento, ma tu non trovavi le parole.            
Ne trovai io una per te.            
Ti baciai sulla guancia, ti salutai            
e me ne andai senza voltarmi, perché piangevo.             
Ricordo piccoli particolari. Tu raramente lo facevi.            
Perché? Non capisco ancora perché è finita.            
Ricordo le stelle cadenti.            
La passeggiata che facemmo quella notte.            
Spero che almeno i tuoi sogni si siano avverati,            
perché i miei mi hanno tradito.            
Lasciasti andare la mia mano.            
Accennasti un sorriso forzato.            
Ebbi un presentimento, ma tu non sapevi cosa fare.            
Guardai nel profondo dei tuoi occhi, esitando per un istante.            
Anche tu piangevi?            
Tallulah! E' più facile vivere da soli che aver paura che tutto finisca.            
Tallulah, trova le parole e parlami!            
Poteva essere il paradiso.            
Poi ti ho visto camminare mano nella mano col batterista di quel gruppo.            
Era innamorato o così sembrava.            
Ballava con la mia bellissima regina.            
Non ho osato salutarti.            
Avevo ancora il groppo in gola dal nostro ultimo addio,            
ma so che il sentimento è tuttora vivo.            
Per aver perso la pazienza una volta, ora mi punisci così,            
ma ti amerò per sempre. Non importa cosa farai.            
Ti avrei ripresa con me se me ne avessi data l'occasione.            
Ma c'è una cosa che devi capire:            
è più facile vivere da soli che aver paura che tutto finisca.            
            
WOLF AND RAVEN - IL LUPO E IL CORVO            
            
Concedimi un desiderio, mio padrone!            
Ascoltami! Sono stato un servitore leale, sincero e umile.            
Ho rinunciato a ciò che era mio.            
Ho rinunciato alle mie aspirazioni.            
Un esame di coscienza mi ha fatto capire che devo essere me stesso.            
Non sono come Giuda,            
condannato e pieno di vergogna per ciò che sono diventato.            
Porto, come fosse un anello, la paura della vita            
e pur di crogiolarmi nei tuoi favori ucciderò il re.            
Hai detto che sono invincibile. Che non posso morire.            
Lo so, eppure le parole mi feriscono.            
Concedimi un desiderio, mio padrone!            
Abbi compassione, ti prego!            
Mi piacerebbe essere umano. Forse un giorno…            
(Supplica): Lasciami andare, padrone!            
Ti odio così tanto!            
Come posso dormire la notte quando la mia intera esistenza geme?            
Ho cercato di essere come tutti gli altri e di aprire la mia anima,             
ma tutto ciò che potevo offrire è risultato disgustoso.            
Ero incantato dal potere,            
ma sono stato sconfitto dalla grazia,            
come un bellissimo fiore nero.            
Come la fine del genere umano.            
Con orgoglio ora affronto la mia fede.            
Il Re e la Regina sono pronti per la camera ardente.            
Porto, come fosse un anello, la paura della vita            
e pur di crogiolarmi nei tuoi favori ho ucciso il re.            
Ho fatto un sogno. Un lupo che sbranava un corvo.            
Le viscere della vita in un piatto. Io che le mangiavo.            
Se siete interessati a ciò che ho visto,            
fatemi quel maledetto test di Rorcharch*             
e vedrete la bellezza della Bestia seduttiva!            
            
Note:    *(Test d'interpretazione dei disegni a macchia)        
            
THE POWER OF ONE - IL POTERE DI UNO            
            
(La terra di mio padre. L'idioma di mia madre.            
Mi hanno ingannato vergognosamente per anni            
e ho creduto che l'odio fosse per me il sentiero migliore).            
Padre! Penso di aver ucciso molti angeli.            
Ora mi dirigerò verso il mare            
e spero che un giorno riuscirai a perdonarmi.            
Ti prego di attraccare la mia barca vuota al pontile.            
Posso darmi la colpa del sangue blu che mi scorre nelle vene,            
ma sembra che mi sia dimenticato che siamo tutti uguali.            
Nel tuo eccesso d'ira hai suscitato terrore in molte vite.            
Hai fatto scelte pensando che fosse tutto scritto nei segni            
e ora non puoi più guarire dal sentimento veemente            
che ti corre lungo la spina dorsale.            
Collassi e crolli di fronte ai rognosi marchi della vita.            
Madre, ho visto troppo. Odio vivere la mia vita.            
Ho dimenticato ogni tua parola,            
come un cocciuto ragazzino, (angelo della tua vita),            
ma ora devo ritrovare il mio Eden            
e la porta che mi sono lasciato alle spalle.            
Rimarrà il dolore. Non ci sarà alcun potere da ottenere.            
Orà avrò tempo per riflettere.            
Farò un esame di coscienza sui miei terribili crimini.            
Ho visto colori troppo intensi, non sapendo quanto fossi cieco.            
Ho ucciso un uomo che si era preso i suoi rischi            
e ho bevuto il vino proibito.            
La mappa che ho disegnato dimostra che sono completo.            
Uno strumento per il gruppo.            
Madre, dov'è tuo figlio? Quando è iniziato tutto?            
Chi è stato lo stolto?            
Nessuno è nato per essere servo o schiavo.            
Chi può conoscere il colore della pioggia?            
Nel mondo in cui viviamo, ogni cosa è stata detta e fatta.            
Loro possono tranquillamente schiacciare il potere di uno.            
Si può vivere e lasciare morire.            
Dare speranza e strappare una vita.            
E' questo il motivo per cui siete qui?            
Per credere di essere nel giusto?            
Per convincervi che non funzionerà?            
E' l'origine di un crimine d'odio?            
Nazioni di probi. Nazioni di schiavi.            
Alla fine siamo tutti uguali.            
Ho bisogno di crederci!            
C'è più di quello che gli occhi riescono a vedere.            
Ci sono tutti i colori dell'arcobaleno.            
Nessuno è nato per essere servo o schiavo.            
Cercate nel passato e assegnate le responsabilità!            
Ditemi il colore della pioggia!            
Nessuno è nato per essere padrone.            
Nella nostra terra viviamo e moriamo.            
Lodiamo l'armonia, ma serviamo la menzogna.            
Per legare con una corda un impostore            
abbiamo bisogno di un autentico dio della pioggia.            
"Figli di Abele! Figli di Caino!            
Potete vivere in armonia, senza vergogna.            
La chiave che vi ho garantito e la Terra Promessa            
sono sabbia del deserto sul palmo della vostra mano.            
Ma senza l'acqua, la saggezza del passato scorrerà            
tra le vostre dita e ve ne dimenticherete presto.            
Per questo ora me ne andrò.            
Mi coprirò gli occhi e la mia cecità, una benedizione,            
sarà la speranza del genere umano".            
            

 

Commenta il post